Un denso palinsesto di eventi digitali per il Teatro del Lido di Ostia

In coerenza con lo slogan Un ponte per i tuoi sogni – scelto per la stagione 2019-2020 – il Teatro del Lido di Ostia presenta un palinsesto di eventi digitali il cui intento è fare da ‘ponte’ verso il sogno più grande: riaprire la sala teatrale di via delle Sirene, nella convinzione che il teatro trovi la sua ragione più profonda nell’essere luogo fisico di condivisione per la comunità. A testimoniare l’attenzione particolare per il mondo dell’infanzia e dell’adolescenza, a partire dal 19 maggio, il Teatro Villa Pamphilj, il Teatro del Lido di Ostia e il Teatro Tor Bella Monaca presentano “A Me gli Occhi (e Le Orecchie)” – favole e storie tra parole e immagini. Sei splendide storie illustrate da Paolo Marabotto e Lorenzo Terranera, incorniciate all’interno di un teatrino Kamishibai e raccontate dagli attori dei Teatri in Comune Andrea Calabretta, Cristiano Petretto, Maddalena Rizz. Sempre per i più piccoli, dal 21 maggio, . Divisoperzero e Miaohaus presentano “Cartoncini Animati” di e con Francesco Picciotti. Brevi video che ci raccontano di fiabe e di miti, con l’ausilio di figure realizzate con carta e cartoncino: immagini animate a vista, come piccoli, bidimensionali ed effimeri burattini.
Leggi tutto

“A casa con Oberon Media”, ecco i cortometraggi premiati

Si è tenuta, in diretta su Zoom, la premiazione di “A casa con Oberon Media”, festival di cortometraggi ideato e realizzato dalla società di produzione e distribuzione Oberon Media, che ha offerto – gratuitamente – ai videomaker costretti a rimanere a casa per la quarantena la possibilità di mettersi in gioco nella realizzazione in autonomia di un cortometraggio. Dieci i corti finalisti, tutti inediti a tema libero, in lingua italiana e realizzati a casa durante il periodo di quarantena, della durata compresa tra 1 e 6 minuti. Tutti i cortometraggi finalisti sono pubblicati sui social di Oberon Media, il canale instagram @oberonmedia e sulla pagina facebook ufficiale, nell’idea di valorizzare sempre più i contenuti e le attività culturali online.
Leggi tutto

Da Villa Pamphilj, sei appuntamenti in diretta streaming, sulla musica popolare

In attesa di poter tornare ad ascoltare la musica dal vivo, Stefano Saletti, direttore artistico del Festival Popolare italiano, dialoga in diretta streaming con alcuni degli artisti che avrebbero dovuto esibirsi nella settima edizione della manifestazione – Luigi Cinque, Lucilla Galeazzi, Riccardo Tesi, Gabriele Coen, Gabriella Aiello, Jamal Ouassini. Sei appuntamenti sulla pagina Facebook del Teatro di Villa Pamphilj ogni giovedi alle 18.30 – Saranno dei dialoghi sulla musica popolare, le influenze dei vari stili, si ascolteranno piccoli brani suonati in diretta, in uno scambio di idee e pensieri che da sempre rappresenta l’anima del Festival.
Leggi tutto

La danza apre il palinsesto digitale del Teatro Biblioteca Quarticciolo

Mercoledi 13 maggio, “via!” al palinsesto digitale #TBQweb sui canali social del Teatro Biblioteca Quarticciolo – uno dei quattro Teatri in Comune – (Facebook, Vimeo) e sul canale TBQweb di www.tbqvoices.com. Alle ore 12, il primo appuntamento della rubrica Ritratti d’autore vede protagonista il coreografo Enzo Cosimi con il quale si potrà condividere la riflessione che ha generato la sua performance/installazione “La bellezza ti stupirà”, un percorso creativo sulla figura dell’homeless e più in generale della marginalità.
Conduce l’incontro Marinella Guatterini, saggista, critico e docente di estetica della danza.

La creazione de “La bellezza ti stupirà”, di natura coreografica/performativa e installativa, nasce da una indagine e riflessione sui temi della marginalità sociale, sulla figura dell’homeless e sulla sua “regale solitudine nella società contemporanea”. Il lavoro, sviluppatosi attraverso studi precedenti, è realizzato in collaborazione con Associazioni di persone senza fissa dimora, un mondo sotterraneo, abitato da figure borderline che scelgono o si trovano a vivere drammaticamente ai bordi della società odierna.
Leggi tutto

Le novità del palinsesto on line del Teatro di Roma fino al 17 maggio

#TdROnline e Radio India continuano a riempire i silenzi e a raccontarci un dietro le quinte in assenza di un palcoscenico, entrando assieme agli spettatori-utenti nella Fase 2 dell’emergenza con un rinnovato palinsesto culturale, dall’11 al 17 maggio, per l’ottava settimana di programmazione online su tutti i canali social del Teatro di Roma.
Tra le novità di questo nuovo inizio, Massimo Popolizio ci accompagna nel labirinto folgorante di “Centuria”, l’opera più ingegnosa di Giorgio Manganelli, portando in voce trenta dei Cento piccoli romanzi fiume, che compongono la raccolta di queste pagine stranianti e sortileghe. Una vera e propria produzione digitale del Teatro di Roma, affidata alle letture del gruppo di 13 attori della compagnia di “Un nemico del popolo”, per una galleria di 6 puntate da 5 centurie ciascuna, a partire da giovedì 14 maggio (ore 16) su #TdRonline.
Una raccolta di microstorie fantastiche e narrazioni enigmatiche – tutte rigorosamente della lunghezza di una pagina – per comporre non una trama ma un ritmo oscillante di narrazioni tra realtà e onirismo, sonno e risveglio, immaginario e assurdo, nelle quali prende vita l’abilità dello scrittore milanese nel condurre il lettore in mondi paralleli, senza tempo né spazio, e rendere verosimile anche il più paradossale degli episodi.
Leggi tutto

Dopo 20 anni, on line, “Backstage”, protagonista Donatella Pandimiglio

Metti una sera – on line – “Backstage”, protagonista Donatella Pandimiglio, in occasione dei 20 anni dalla produzione e messa in scena, nella stagione 2000-2001, dello spettacolo che ebbe un grandissimo successo di pubblico e critica al suo debutto al Teatro Greco di Roma. Una serata unica con la registrazione dello spettacolo. Un regalo in questo tempo di grandi limitazioni, non solo per coloro che allora non lo hanno potuto vedere, ma anche per coloro che negli anni hanno reclamato la ripresa in teatro e per chi attendeva di rivederlo.

“Backstage” è un soggetto di Donatella Pandimiglio, che è anche autrice dei testi italiani dei brani riscritti per la storia e ha collaborato alla scrittura sapiente di Rosario Galli (che ne ha curato anche la regia) e coproduttrice insieme al Teatro Greco.

Il 17 maggio sulla pagina Facebook di Donatella Pandimiglio (https://www.facebook.com/donatella.pandimiglio) alle ore 20.20 andrà in onda una diretta con gli autori, il regista e il cast delle due versioni rappresentate in stagioni diverse di questo spettacolo. L’incontro sarà mediato e curato dal critico teatrale Flaminio Boni.

Sempre sulla pagina Facebook di Donatella Pandimiglio sarà pubblicato il link per vedere lo spettacolo. Il video partirà alle ore 21e sarà disponibile per quattro ore.

Gli appuntamenti virtuali con il Teatro Stabile di Torino

Nell’ambito dell’iniziativa del Teatro Stabile di Torino, #stranointerludio #laricetta martedì 12 maggio Milvia Marigliano leggerà un estratto da Calypso, dall’episodio 4 di “Ulisse” di James Joyce. La Marigliano darà voce con impareggiabile bravura al tenero scambio tra Mr. Leopold Bloom e la sua gatta: il pubblicitario di origini ebree alterna i pensieri sulla colazione della moglie Molly all’osservazione divertita e sensibile del suo animale domestico. Un frammento divertente e tenero, tratto dal capolavoro di James Joyce.
Venerdì 15 maggio 2020 sarà Matthias Martelli a cimentarsi con un testo originale scritto appositamente per #stranointerludio dal titolo “Il pane”: a partire da Epicuro, in uno stile personalissimo e ipnotico, Martelli racconta una divertente carrellata di cibi, dall’antichità ai nostri giorni, per arrivare al protagonista assoluto della tavole, l’umile e indispensabile pane. E dichiarare un sogno meraviglioso: un pane che possa sfamare tutta l’umanità.

Il progetto #stranointerludio #laricetta propone, sui canali web dello Stabile, una serie di clip dedicate al tema della cucina e del cibo: protagonisti dei primi appuntamenti sono stati Laura Curino che ha proposto Cuoco Martino da Como e i suoi ricettari rinascimentali scritto dalla stessa Curino (martedì 28 aprile 2020), Gabriele Vacis impegnato con Le golose, poesia di Guido Gozzano (giovedì 30 aprile 2020), e Filippo Dini che ha presentato un estratto da I dispiaceri della carne di Plutarco (martedì 5 maggio 2020 – parte prima e giovedì 7 maggio 2020 – parte seconda). Seguiranno nelle prossime settimane le letture di Valerio Binasco, Orietta Notari, Eugenio Allegri.
Leggi tutto

Il progetto di Officine Papage con il Laboratorio Teatro Clandestino

Venerdì 15 maggio – ore 21.30, “Le città invisibili” di Autori Vari da Italo Calvino. È questo il terzo appuntamento di drammaturgia mimetica e collettiva – Progetto “Sofà Teatro” di Officine Papage – Con i cittadini del laboratorio Teatro Clandestino di Genova, Roma, Pomarance (Pisa) e Monterotondo Marittimo (Grosseto).
Dopo ”Piccoli esercizi di resistenza (il 24 aprile per il pu
bblico e l’8 maggio in esclusiva pomeridiana per 300 ragazzi delle scuole di Liguria e Toscana) e “Delitti esemplari 2. Come di sopravvive in tempi di pandemia “(2 maggio), gli attori professionisti e non professionisti del Laboratorio Teatro Clandestino porteranno in scena uno “spettacolo” dedicato al capolavoro di Italo Calvino, in cui a una selezione dei testi dell’autore si mescolano le creazioni originali dei partecipanti.
Le città sono un caleidoscopio di desideri, di segni e linguaggi. Le città sono luoghi di scambio, non solo scambio di merci, ma anche di parole, ricordi e desideri. Uno spettacolo che è anche un augurio, affinché le nostre città possano tornare ad essere visibili e vissute, magari in maniera diversa (più profonda e consapevole), grazie alla fantasia e al senso civico che abbiamo messo alla prova a lungo in queste ultime settimane di isolamento forzato.
La frase finale dell’opera di Calvino diventa un invito che ispira la città del futuro scritta dai partecipanti: “Cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio”.
Leggi tutto

Dal Teatro Quirino: 100 pasti al giorno per un mese ai lavoratori “disoccupati”

Il Teatro Quirino Vittorio Gassman si rende promotore di una iniziativa di solidarietà in favore dello spettacolo dal vivo per un mese, e con l’aiuto di vari sostenitori, a partire dal 15 maggio per un mese, distribuirà gratuitamente 100 pasti totali al giorno ai lavoratori dello spettacolo che ne facciano richiesta. La consegna del cestino da asporto avverrà dal lunedì al venerdì dalle 12.30 alle 14.30 all’ingresso del proprio “Comedian Café” in via delle Vergini 5.
Sarà necessario prenotarsi telefonicamente ogni giorno, dalle 9 alle 12, al numero 06.83784804 comunicando il cognome e la matricola exEnpals.
Non potranno essere ritirati più di due pasti a persona.

Spettacolo dal vivo. Proposta per una ripartenza delle imprese culturali

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta intitolata “Spettacolo dal vivo – Proposta per una ripartenza delle imprese culturali” di Alessandro Longobardi, direttore artistico del Teatro Brancaccio, della Sala Umberto e dello Spazio Diamante.

Nella settimana che si sta concludendo, in attesa dell’approvazione del DL. maggio (ex aprile) giungono buone notizie per i lavoratori dello spettacolo come l’inclusione nel sussidio degli intermittenti e l’estensione degli ammortizzatori sociali per ulteriori nove settimane. Mentre dal sapore più populista che strategico, arriva il simbolico sostegno a pioggia di 20ml.
Ma il futuro dei lavoratori che non appartengono al teatro pubblico, non è al sicuro perché non dipenderà dai provvedimenti a tampone ma dagli investimenti privati che costituiscono la linfa vitale del sistema. Infatti rimane intatto lo sconforto delle imprese culturali private e della filiera produttiva sottostante: la liquidità è finita, la riapertura indeterminata.
Il DL Liquidità appare più consono al sistema bancario che alle imprese del comparto culturale che avrebbero bisogno con urgenza di un finanziamento a fondo perduto; in mancanza di questo si renderebbe necessaria almeno l’estensione della garanzia dello Stato verso le banche dal 90 al 100% per facilitarne l’accesso al credito.
Questa incertezza crea molta tensione in un settore che già ante virus non godeva di ottima salute. Il teatro privato non si improvvisa, vive di e per il pubblico. Pertanto ha bisogno di tempo per riavviarsi. Gli spettatori vanno riportati in sala recuperando la loro fiducia. Tra l’altro i previsti accessi contingentati impediranno l’apertura di molti teatri che coprono i costi con la sola vendita dei biglietti. L’offerta teatrale prediligerà monologhi o testi a due, ben distanziati, lasciando a casa molti lavoratori dello spettacolo.
Leggi tutto