Al Festival della cultura polacca tra cinema, teatro e musica

Il teatro, la musica e il cinema a “Corso Polonia 2019”, Festival della cultura polacca organizzato dall’Istituto Polacco a Roma che dall’1 al 16 giugno animerà la Capitale per oltre due settimane in diversi luoghi, tra cui la Casa del Jazz, Villa Borghese, il Teatro Torlonia, il Cinema Farnese, Palazzo Blumenstihl, sede dell’Istituto. Titolo e filo conduttore di questa XVII edizione è “Danzica città libera”, omaggio alla città in cui nacque nel 1980 il sindacato autonomo Solidarność, nel trentennale della svolta democratica del 1989, preludio di grandi cambiamenti per l’Europa e per il mondo intero, primo tra tutti la caduta del muro di Berlino appena tre mesi dopo le elezioni polacche.
Leggi tutto

One woman show di Lucia Poli per tre donne “storiche” di Valeria Moretti

Venerdi 31 maggio, alle ore 19, alla Galleria d’arte moderna (via Francesco Crispi 24), Lucia Poli è la protagonista della lettura teatrale da “Una tavolozza rosso sangue” di Valeria Moretti, sulle vite e i pensieri di Artemisia Gentileschi, Élisabeth-Louise Vigée Le Brun e Frida Kahlo. Testo teatrale pubblicato nel 1998 nella raccolta “ Protagoniste: Tre atti unici. Marina e l’altro, Una tavolozza rosso sangue, La Viola di Prato “(Editore la Mongolfiera), che si compone di tre “ritratti” ognuno dei quali è dedicato ad un’artista di nazionalità diversa e vissuta in differenti epoche: Artemisia Gentileschi, romana, caravaggesca, 1600, Elisabeth Vigée Le Brun, francese, pittrice di Corte, fine `700, dell’epoca dei Lumi, e Frida Kahlo, messicana, moglie di Diego Rivera, morta nel 1954.
Il testo è stato trasformato in una vera e propria pièce teatrale dalla stessa Moretti ed è diventato una sorta di onewomanshow già portato in scena da Elisabetta Pozzi e attualmente ricomposto per Lucia Poli.
Leggi tutto

Ex detenuti attori interpretano la “ricostruzione” di una famiglia

Dal 30 maggio al 2 giugno (alle ore 20.30) al Teatro Lo Spazio è in scena “Famiglia” di Valentina Esposito. In occasione del matrimonio dell’ultima e unica figlia femmina di una numerosa famiglia tutta al maschile, si riuniscono nuovamente tre generazioni di persone legate da antichi dolori e irrisolte incomprensioni.
Lo svolgimento della trama anima il vero significato di una pièce che prova a scandagliare l’anima di uomini che nei lunghi anni di reclusione hanno sofferto per gli affetti lontani, per i figli distanti, per gli amori perduti, e si trovano ora a tentare una ricostruzione emotiva di un rapporto difficile fatto di rivendicazioni e ribellioni. Interpretato dagli ex detenuti attori della Compagnia Fort Apache Cinema Teatro, nel cast anche Marcello Fonte, Palma D’Oro al Festival di Cannes 2018 per “Dogman” di Matteo Garrone.
Teatro Lo Spazio – Via Locri 42 – Tel. 06/77076486 – 06/77204149 – Biglietto intero 13 euro, ridotto 10 euro. tessera semestrale 3 euro

I finalisti del premio Attilio Corsini-Salviamo i talenti 2019

Al Teatro Vittoria / Attori e Tecnici, da mercoledi 29 maggio a mercoledi 5 giugno, sempre alle ore 21, vanno in scena i quattro spettacoli under 35 finalisti della XI edizione del Premio Attilio Corsini – Salviamo i talenti.
Il 29, “Generazione XX” di Anton Giulio Calenda, regia di Alessandro Di Murro / Venerdi 31 maggio, “In ogni caso, nessun rimorso” della compagnia Borgobonò /Lunedi 3 giugno, “Guantanamo – Errori di sistema”, testo e regia di Matteo Pantani, Sonia Remorini, Mariano Viggiano / Mercoledi 5 giugno, “Chaos – Humanoid B12” di Daniele Ronco, che firma anche la regia, della compagnia Mulino ad Arte.
Teatro Vittoria – Piazza di Santa Maria Liberatrice 10 – Tel. 06/ 574 0170.

Il Palazzo delle Esposizioni ospita la danza del Teatro di Roma

Dal 30 maggio al 2 giugno, il Palazzo delle Esposizioni ospita la prima edizione di “Buffalo”, ’inedito format dalla creatività emergente e multidisciplinare della danza con cui, negli ambienti museali di via Nazionale, il Teatro di Roma avvia una importante collaborazione sinergica e interdisciplinare nell’ambito della sua vetrina sulla coreografia Grandi Pianure, curata da Michele Di Stefano.
Con “Buffalo” la danza si apre al dialogo con un pubblico più ampio e meno specializzato, sconfinando dalle sale teatrali agli ambienti museali dove, con spettacoli pomeridiani e serali, si alterneranno nomi storici e nuovi talenti della ricerca italiana e internazionale, in un crossover di linguaggi dalle arti visive a quelle musicali; dalla street culture internazionale alla cultura pop; dalla ricerca musicale contemporanea all’immaginario filmico.

Un’opera collettiva derivata da un “leggendario” film a tematica queer

Il 29 maggio, alle ore 16, in anteprima assoluta (lo spettacolo in autunno sarà tra gli eventi di punta di Quartieri dell’Arte 2019) nel Salone dei Forum del Macro Asilo (via Nizza 138) – ingresso libero a esaurimento posti – sarà presentata l’opera collettiva “Narcissus” – da un’idea di Gian Maria Cervo a Antonio Ianniello – sviluppata tra due Continenti, Europa e America, nell’arco di un anno e mezzo.
Leggi tutto

Concerti nelle chiese che “nascondono” organi storici

L’Istituzione Universitaria dei Concerti presenta “Organizzando”, la sua prima serie di concerti di organo nelle chiese di Roma, ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Sono quattro concerti, che iniziano mercoledì 29 maggio e proseguono fino al 19 giugno. Le chiese romane custodiscono moltissimi organi storici di grande pregio, che oggi sono spesso inutilizzati o utilizzati al di sotto delle loro possibilità: da queste considerazioni è nata la decisione di dar vita a questa serie di concerti, che riprende una tradizione che fino a pochi decenni fa era fiorente a Roma e richiamava molti ascoltatori.
Il primo concerto (mercoledì 29 maggio alle 21) avrà luogo nella chiesa di Santa Maria in Campitelli (Piazza Campitelli 9), dove, accanto alle opere dei maggiori pittori barocchi operanti a Roma, sono presenti ben due organi storici. Uno è un organo positivo – quindi di piccole dimensioni – e fu realizzato dall’organaro Pollicolli nel 1635, quindi ideale per l’esecuzione della musica di quel secolo. L’altro è un organo monumentale realizzato nel 1909 dall’importante casa organaria tedesca “Fratelli Rieger”, adatto alle grandiose creazioni organistiche del tardo barocco, dell’Ottocento e dell’inizio del Novecento.
L’organista Franco Vito Gaiezza aprirà il concerto con Girolamo Frescobaldi, seguito da Giovan Battista Fasolo, il portoghese Antonio Correa Braga, Johann Kaspar Kerll, tedesco di nascita ma romano di studi, e Alessandro Scarlatti. Si giunge così a Johann Sebastian Bach, ma il programma riserva anche delle sorprese, come un giovanile Vincenzo Bellini, generalmente ricordato solo per i suoi melodrammi, e Claude Debussy. Si conclude con “Echi di gioia” del compositore contemporaneo Hans André Stamm.
“Organizzando” proseguirà il 5 giugno a san Luigi dei Francesi con l’organista Daniel Matrone e l’11 e 19 giugno nella Chiesa Evangeica Luterana di via Sicilia con gli organisti Francesco Finotti e Livia Mazzanti.

Informazioni per il pubblico: tel. 06/ 3610051/52

Alla Cometa, per gusti e sensibilità diverse. E i “venerdi in salotto”

Undici titoli in abbonamento compongono il cartellone 2019-2020 della stagione del Teatro della Cometa. “Gli spettacoli sono stati selezionati – spiega il direttore artistico Giorgio Barattolo – come sempre con l’intento di incontrare i più diversi gusti non solo dei nostri abbonati che di anno in anno rinnovano la fiducia, ma anche quelli di un nuovo pubblico che siamo desiderosi di accogliere nel nostro teatro. Generi diversi per divertire, emozionare e riflettere. Un programma variegato per soddisfare gusti e sensibilità diverse che si caratterizza per la qualità delle proposte”.
Il sipario si apre il 9 ottobre con “Valium” una commedia anti stress di Alessandro Sena, con Niccolò Albanese, Stefano Antonucci, Giorgio Carosi, Marine Galstyan, Raffaele La Pegna, Giada Lorusso, Valeria Romanelli, Vittoria Rossi, Francesco Sgro. Il 30 ottobre Simona Marchini e Susy Del Giudice saranno i protagonisti di “Exit- Grazie dei fiori”, regia Giovanni Esposito.
Leggi tutto

La crisi della coppia in scena in un appartamento privato

Il Teatro di Roma apre uno sguardo più ampio sul lavoro del drammaturgo e regista anglo-francese Gérard Watkins con un focus di approfondimento che include “Scene di violenza coniugale”, regia di Elena Serra, dal 28 maggio al 2 giugno (con due recite quotidiane, alle 18 e alle 21, per un massimo di 20 persone), presso un appartamento privato romano (Viale del Campo Boario 4°). Traduzione di Monica Capuani, produzione Teatro di Dioniso e PAV Fabulamundi, è interpretato da Roberto Corradino, Clio Cipoletta, Annamaria Troisi e Alberto Malanchino.
Leggi tutto

Al Teatro Palladium si conclude la rassegna “OnStage! Festival”

Si conclude al Teatro Palladium la rassegna OnStage! Festival, nata con lo scopo di veicolare la cultura americana attraverso l’incontro “personale” ed efficace con il teatro. In scena due spettacoli, in lingua italiana, il 23 e 24 maggio: “Fratelli” (The Siblings Play) – il 23 maggio ore alle ore 18 e il 24 maggio alle ore 21 – di Ren Dara Santiago, nella traduzione di Michela Compagnoni e con la regia di Tomaso Thellung, interpretato dai giovani Simone Bobini, Teo Achille Caprio, Michele Ferlito, Barbara Folchitto, Giulia Gizzi, e “Il mecenate” (A Patron of the Arts) – il 23 maggio alle ore 21 e il 24 maggio alle ore 18 – di Kate Cortesi, con la traduzione di Annachiara Rigillo (adattamento di Kira Ialongo), diretto da Kira Ialongo e Domenico Casamassima, interpretato da Mauro Tiberi, Jacopo Carta e Luca Scognamiglio, a cura della Scuola di Recitazione Teatro Azione.
Da mercoledì 29 al 31 maggio, alle 20.30, è in scena “Salomè” di Oscar Wilde nell’originale testo in francese, con tre repliche (da mercoledì 29 a venerdì 31 maggio, ore 20,30). La compagnia, diretta da Michele Suozzo (meglio noto al pubblico come critico e divulgatore musicale) vuole restituire la “musica” voluta da Wilde amplificata dai riflessi caleidoscopici di una partitura contemporanea per pianoforte preparato, appositamente composta ed eseguita dal giovane Benedetto Boccuzzi, che sostiene ed esalta i risvolti psicologici e simbolici del dramma.
Teatro Palladium Roma Tre – Piazza Bartolomeo Romano 8 – Tel. 06/ 5733 2772