Tutto il calendario della quarta edizione di Ostia Antica Festival

Dal 22 giugno torna Ostia Antica Festival – Il Mito e il Sogno, quarta edizione della rassegna che si svolge al Teatro Romano e presenta ogni anno spettacoli di musica, teatro e danza fra tradizione e innovazione, organizzati dal consorzio di imprese Antico Teatro Romano in collaborazione con il Parco Archeologico di Ostia antica, diretto da Mariarosaria Barbera. La manifestazione si avvale, inoltre, della collaborazione con l’Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio e fa parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale, con il sostegno della Società Italiana degli Autori ed Editori e il patrocinio del Municipio X.
L’apertura di sabato 22 giugno è affidata a Luca Argentero con “È’ questa la vita che sognavo da bambino?” / Le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina, raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto.
Il primo appuntamento musicale è affidato ai tedeschi Kraftwerk, i pionieri della musica elettronica per due imperdibili live il 27 e il 28 giugno. Il 29 va in scena “7 14 21 28”, il teatro geniale di Antonio Rezza e Flavia Mastrella.
Leggi tutto

Al Teatro India, due week end consecutivi con “gli under 25”

Dominio Pubblico-La città agli Under 25, il festival interamente dedicato alla creatività giovane, torna con la sua sesta edizione per due weekend consecutivi, dal 14 al 23 giugno 2019, al Teatro India – Teatro di Roma. Più di 50 eventi: 14 spettacoli di teatro, 6 di danza, 7 eventi di musica dal vivo, 4 spettacoli di circo, 9 vernissage-esposizioni di artisti visivi e installativi, 13 proiezioni di cortometraggi, 2 masterclass di alta formazione, 3 workshop e meeting nazionali e internazionali.

Dominio Pubblico_la città agli Under 25 è il più significativo evento italiano focalizzato sulla creatività di artisti con meno di 25 anni. Direttore artistico Tiziano Panici, il progetto, nato tra le pareti del Teatro Argot Studio e del Teatro dell’Orologio, si configura come un” percorso di audience development” pensato per un gruppo di giovani spettatori attivi, anche loro under 25, chiamati non solo a selezionare e programmare tutti gli eventi presenti all’interno del Festival, ma anche a occuparsi di ogni singolo aspetto della sua organizzazione.

Ferzan Ozpetek debutta in teatro mettendo in scena un suo film

Il regista cinematografico Ferzan Ozpetek debutta nel teatro di prosa. E lo fa mettendo in scena un suo film del 2010, “Mine vaganti”, grande successo di pubblico e di critica, vincitore di due David di Donatello, cinque Nastri d’Argento dei Giornalisti cinematografici, quattro Globi d’Oro della Stampa estera accreditata in Italia. Storia scritta da Ozpetek in collaborazione con Ivan Cotroneo, prodotta dalla Fandango in collaborazione con Rai Cinema, in cui affrontava il tema della famiglia, in particolare di una famiglia contemporanea pugliese, considerata come un nucleo di “mine vaganti”, cercando di far cadere una serie di luoghi comuni molto radicati nella società italiana.
Lo spettacolo debutterà, in prima nazionale, il 19 febbraio a Roma, al Teatro Ambra Jovinelli, come ha annunciato il suo produttore, Marco Balsamo – Nuovo Teatro e Fondazione Teatro della Toscana – nel presentare il cartellone della stagione 2019-2020 dello stesso teatro di cui cura la direzione artistica.
Tra gli interpreti citati, Arturo Muselli e Giorgio Marchesi nei panni dei due fratelli protagonisti, Francesco Pannofino nel ruolo del padre Vincenzo e Paola Minaccioni in quello di sua moglie Stefania.
Nei prossimi giorni, il cartellone completo della nuova stagione del Teatro Ambra Jovinelli, insieme ai programmi di altri teatri della Capitale.

Torna il musical sulla presunta ultima “ strega” giustiziata in europa

Per Sistina Ospitalità”, presentato da Mindie e Accademia Internazionale del Musical , il 14 e 15 giugno (alle ore 21) torna su un palcoscenico romano il collaudato successo “L’ultima strega” scritto e diretto da Andrea Palotto, protagonisti Valeria Monetti e Marco Staudato con Gerry Gherardi e Igino Massei, musiche di Marco Spatuzzi (arrangiamenti di Alessandro Taruffi), coreografie di Claudia Scimonelli, scene di Gianluca Amodio, costumi di Bianca Borriello.
Leggi tutto

La prima edizione di un Festival dedicato al Teatro di Figura

Dal 7 al 9 giugno, al Teatro Tor Bella Monaca – uno dei Teatri in Comune – si svolge la prima edizione di “Immagina”, Festival dedicato interamente al Teatro di Figura, che tocca anche altre sale come il Teatro del Lido e Villa Pamphili. Una proposta artistica per tutte le età, per gli appassionati e per i curiosi, per promuovere e valorizzare l’immenso patrimonio del teatro di figura fatto da una moltitudine di artisti incredibili, portatori sani di arti e mestieri che hanno origini antiche, ma che guardano al presente e al futuro, capaci di intercettare infiniti linguaggi.
Leggi tutto

Al Costanzi torna “La Cenerentola” pop surrealista di Emma Dante

Da sabato 8 a giovedì 13 giugno al Teatro dell’Opera torna in scena “La Cenerentola” di Gioachino Rossini– (sul podio, Stefano Montanari., direttore del Coro Roberto Gabbiani). L’allestimento è quello che nel 2016 ha segnato il debutto assoluto di Emma Dante al Teatro Costanzi. In quell’occasione, la regista palermitana ha regalato al pubblico del lirico capitolino una lettura anticonvenzionale e dirompente di questo dramma giocoso a lieto fine, firmando una fiaba sui generis ispirata al Pop Surrealism. Leggi tutto

Violino in duo con pianoforte a “Note in biblioteca”

Venerdì 7 giugno alle 20.30, per “Note in Biblioteca”, la serie di incontri musicali ad ingresso gratuito realizzati dall’Istituzione Universitaria dei Concerti in collaborazione con Biblioteche di Roma, il violinista Ivo Margoni suona in duo con la pianista Giulia Loperfido nella Biblioteca Villa Leopardi (via Makallé, tel. 06/45460621). La Guida all’ascolto è a cura di Alessandro Lemmo, laureando del corso magistrale in Musicologia della Sapienza.
Leggi tutto

“Organizzando” si sposta nella chiesa di San Luigi dei Francesi

Mercoledì 5 giugno alle 21 la chiesa di San Luigi dei Francesi, (piazza omonima) ospita il secondo appuntamento con “Organizzando”, la serie di concerti d’organo nelle chiese di Roma organizzati dall’Istituzione Universitaria dei Concerti, ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. Protagonista di questo concerto sarà Daniel Matrone, francese nato in Algeria da genitori di origine italiana e parigino di studi. Da vent’anni è organista titolare della Chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma ed è stato nominato Officier des Arts et des Lettres dal Ministero francese della cultura.
Leggi tutto

Al Festival della cultura polacca tra cinema, teatro e musica

Il teatro, la musica e il cinema a “Corso Polonia 2019”, Festival della cultura polacca organizzato dall’Istituto Polacco a Roma che dall’1 al 16 giugno animerà la Capitale per oltre due settimane in diversi luoghi, tra cui la Casa del Jazz, Villa Borghese, il Teatro Torlonia, il Cinema Farnese, Palazzo Blumenstihl, sede dell’Istituto. Titolo e filo conduttore di questa XVII edizione è “Danzica città libera”, omaggio alla città in cui nacque nel 1980 il sindacato autonomo Solidarność, nel trentennale della svolta democratica del 1989, preludio di grandi cambiamenti per l’Europa e per il mondo intero, primo tra tutti la caduta del muro di Berlino appena tre mesi dopo le elezioni polacche.
Leggi tutto

One woman show di Lucia Poli per tre donne “storiche” di Valeria Moretti

Venerdi 31 maggio, alle ore 19, alla Galleria d’arte moderna (via Francesco Crispi 24), Lucia Poli è la protagonista della lettura teatrale da “Una tavolozza rosso sangue” di Valeria Moretti, sulle vite e i pensieri di Artemisia Gentileschi, Élisabeth-Louise Vigée Le Brun e Frida Kahlo. Testo teatrale pubblicato nel 1998 nella raccolta “ Protagoniste: Tre atti unici. Marina e l’altro, Una tavolozza rosso sangue, La Viola di Prato “(Editore la Mongolfiera), che si compone di tre “ritratti” ognuno dei quali è dedicato ad un’artista di nazionalità diversa e vissuta in differenti epoche: Artemisia Gentileschi, romana, caravaggesca, 1600, Elisabeth Vigée Le Brun, francese, pittrice di Corte, fine `700, dell’epoca dei Lumi, e Frida Kahlo, messicana, moglie di Diego Rivera, morta nel 1954.
Il testo è stato trasformato in una vera e propria pièce teatrale dalla stessa Moretti ed è diventato una sorta di onewomanshow già portato in scena da Elisabetta Pozzi e attualmente ricomposto per Lucia Poli.
Leggi tutto