Due donne e il prepotente bisogno di vivere come “normale” la “diversità”

Al Teatro Vittoria fino a domenica 26 gennaio si replica “Belvedere” – Due donne per aria – scritto e diretto da Anna Mazzamauro, che ne è anche protagonista insieme all’attrice Cristina Bugatty e con Sasà Calabrese che firma, ed esegue, anche le musiche. Spettacolo presentato dall’ associazione E20inscena.
Due donne: Santa – figura che sembra uscita da una tela di Botero, e Graziadio, una transessuale bellissima straziata e arricchita dalla sua duplice natura. Si incontrano e si scontrano in un prepotente bisogno di vivere come ordinaria quella che agli altri sembra violazione.
Accanto a loro c’è Beethoven, musicista sordo ma che “sente” ogni risata, ogni pianto delle due creature e li commenta con il suo unico compagno, il contrabbasso, mentre assiste alla loro escursione feroce che alla fine unirà quelle vite in un abbraccio inaspettato. Graziadio, etichettata come “diversa” e tormentata per questo, ritrova per mezzo dell’ironia popolana, del divertimento e della sana comicità di Santa, grassa e irresistibile padrona di casa – del Belvedere del titolo – la sua “normalità”.

Teatro Vittoria – Piazza S. Maria Liberatrice 10 -Botteghino: 06/ 5740170 – 06/ 5740598 – Biglietti: intero: platea € 30, galleria € 24 – ridotto (under 26/over 65): platea € 23, galleria € 20-

1