Teatro Eliseo, la stagione del Centenario della nascita. E non solo…

Ad aprire il cartellone della stagione 2018-2019 dell’ Eliseo e del Piccolo Eliseo – la stagione del Centenario della nascita del Teatro di Via Nazionale – sotto la direzione artistica di Luca Barbareschi – è stato il Prologo della Stagione nei mesi di settembre ed ottobre in cui si sono susseguiti otto spettacoli nel foyer della platea e della balconata, l’istallazione d’arte viaggiante “Blink Circus”, lo spettacolo itinerante “Medea per strada”, lo spettacolo musicale “Note da Oscar” , la serata conclusiva del Premio Eliseo per l’Ufficio Scolastico regionale del Lazio. Dal 4 al 14 ottobre, il Teatro Eliseo ha ospitato il Festival del Teatro Patologico, in collaborazione con Università di Tor Vergata.
LA STAGIONE DELL’ELISEO si inaugura, debutto nazionale – la sera del 30 ottobre, repliche fino al 25 novembre – con una produzione Teatro Eliseo: “Cyrano di Bergerac” di Edmond Rostand, adattamento e regia di Nicoletta Robello Bracciforti. Protagonista Luca Barbareschi e con Linda Gennari, Duilio Paciello, Thomas Trabacchi, Duccio Camerini, Massimo De Lorenzo. Il cast artistico è completato da altri nove attori (alcuni anche in più di un ruolo) e da altrettanti allievi e allieve del corso di recitazione della Scuola d’arte cinematografica Gian Maria Volonté. Scene di Matteo Soltanto, costumi di Silvia Bisconti, musiche originali di Arturo Annecchino.

Dal 27 novembre al 9 dicembre, “Le rane” di Aristofane, traduzione di Olimpia Imperio, interpretato da Ficarra e Picone diretti da Giorgio Barberio Corsetti – Dall’11 al 23 dicembre, “Salomé” di Oscar Wilde, traduzione di Gianni Garrera, adattamento e regia di Luc De Fusco. Spettacolo presentato da Teatro Stabile di Napoli, Teatro Stabile di Genova, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile di Verona.
Dal 27 dicembre al 20 gennaio, Lello Arena è il protagonista di “Miseria e Nobiltà” di Eduardo Scarpetta, regia di Luigi Melchionna. Coproduzione Teatro Eliseo-Ente Teatro Cronaca Vesuvio-Tunnel Produzioni – Dal 22 gennaio al 3 febbraio, “Il maestro e Margherita” di Michail Bulgakov, drammaturgia di Letizia Russo, con Michele Riondino, Anna Maria Guarnieri, Federica Rossellini, regia di Andra Baracco, produzione del Teatro Stabile dell’Umbria.
Dal 5 al 17 febbraio, un altro classico,”I Fratelli Karamazov” di Fëdor Dostoevskij, con Glauco Mauri e Roberto Sturno, prodotto dalla loro Compagnia e da Fondazione Teatro della Toscana – Dal 19 febbraio al 10 marzo – produzione del Teatro Eliseo, debutto nazionale -, “La commedia di Gaetanaccio” , di Luigi Magni, regia di Giancarlo Fares, con Giorgio Tirabassi e Carlotta Proietti. Commedia musicale in cui la presenza dei due attori nel ruolo dei protagonisti vuole rappresentare una continuità con l’allestimento storico delle spettacolo allora diretto e interpretato da Gigi Proietti – Dal 13 al 31 marzo, un altro Pirandello, l’ultima opera incompiuta di Pirandello, “I giganti della montagna” con Gabriele Lavia, che firma anche la regia, e Federica Di Martino. Spettacolo presentato da Fondazione Teatro della Toscana in coproduzione con Teatro Stabile di Torino.
Dal 2 al 18 aprile un’altra edizione dell’indiscusso successo di Alessandro Baricco, “Novecento”, oltre 500 le repliche e più di 200mila spettatori, monologo diventato un “cult” della scena italiana. Interprete Eugenio Allegri, regia di Gabriele Vacis. Riallestimento e coproduzione di Art Quartium e Teatro Stabile di Torino.

LA STAGIONE DEL PICCOLO ELISEO si è aperta con “Il gatto” dall’omonimo romanzo di George Simenon, adattamento di Fabio Bussotti, con Alvia Reale. Elia Schilton e Silvia Maino, regia di Roberto Valerio. Produzione della Compagnia Umberto Orsini. Si replica fino all’11 novembre – Dal 15 novembre al 2 dicembre, “Il giorno del mio compleanno” – So Here We Are, di Luke Norris, traduzione di Enrico Luttman, regia di Silvio Peroni – Dal 6 al 30 dicembre, “Amati enigmi”, da Clotilde Marghieri, con Lucia Maglietta, che firma anche drammaturgia, regia e scene.
Dal 3 al 27 gennaio, “Trilogia Carrozzeria Orfeo”, drammaturgia di Gabriele De Luca, che firma anche la regia con Massimiliano Setti e Alessandro Tedeschi. In dettaglio: “Cous Cous Klan”(dal 3 al 13 gennaio – “Animali da bar” (15-20 gennaio) – “Thans for Vaselina” (22-27 gennio). Produzione Carrozzeria Orfeo, in collaborazione con Marche Teatro, Teatro dell’Elfo, Teatro Eliseo.
Dal 31 gennaio al 17 febbraio, “Fuorigioco” – The Pass, di John Donnelly, traduzione a cura di Valentina De Simone, regia di Maurizio Mario Pepe, con Edoardo Purgatori, Federico Lima Roque, Giorgia Salari, Gianluca Macri – Dal 21 febbraio al 3 marzo, “Shakespeare re di Napoli”, composto e diretto da Ruggero Cappuccio, con Claudio Di Palma e Ciro Damiani. Musiche di Paolo Vivaldi. Scene e costumi di Carlo Poggioli. Spettacolo che da più di vent’anni attrae platee e generazioni diverse, anche per la “straordinaria musicalità della lingua di Shakespeare che viene assimilata alla grande vocazione lirica della cultura letteraria del Barocco napoletano”.
Dal 7 al 17 marzo, “Regina Madre” di Manlio Santanelli, regia di Carlo Cerciello, con Fausto Russo Alesi ed Imma Villa. Opera del 1984, definita al suo debubttoda Eugène Ionesco “éxtraordinaire”, può essere considerata oggi a tutti gli effetti un “classico”, e come tale è riletta da Cerciello che è intervenuto in parte anche nell’adattamento del testo. Un dramma profondamente ambiguo ambientato in un “luogo della mente” dove gli interpreti danno vita ad un vero e proprio duello tra Madre e Figlio, combattuto con “quell’arma micidiale e fantastica che è la parola”.
Dal 21 al 31 marzo, “Zero” di e con Massimiliano Bruno che, con la regia di Furio Andreotti, interpreta la parte di cinque ex ragazzini di un paesino calabrese che, ormai cresciuti, si danno un irrazionale appuntamento per “pareggiare i conti con la giustizia e vendicarsi di un torto subito, che li ha segnati per tutta la vita… Una vendetta lunga più di vent’anni, diventata una vera e propria ragione di vita”.
Dal 4 al 18 aprile, “Muhammad Alì”, drammaturgia di Linda Dalisi, contributi di Roberto Bolle, Willem Dafoe, Marco D’Amore, Mario Martone, regia di Pino Carbone. In scena un attore e un regista che sotto gli occhi del pubblico, costruiscono emotivamente, poeticamente e artististicamente lo spettacolo.
Dal 3 al 12 maggio, “Autobiografia erotica” di Domenico Starnone – spettacolo da un suo libro -, con Vanessa Scalera e Piergiorgio Bellocchio, regia di Andrea De Rosa – Dal 16 al 26 maggio “Spoglia – Toy”, uno spettacolo di Luciano Melchionna (suoi e di Giovanni Franci i testi). Undici monologhi, storie di calciatori-toys, inconsapevoli mostri che hanno il gioco del calcio come gesto di libertà e di gioia. Ma il calcio è bastardo…

La stagione di ELISEO OFF – Centro di produzione permanente, quindi spettacoli prodotti da Teatro Eliseo -in scena nel foyer di II balconata. Dal 2 al 28 novembre ”Cose così” scritto e diretto da Paola Poma, liberamente ispirato da alcuni racconti di Raymond Carver – Dal 4 al 30 gennaio “Diario di una casalinga disperata”, liberamente ispirato al best seller di Sue Kaufman, adattamento e regia di Ferdinando Ceriani, con Carla Ferraro – Dal 1° al 27 febbraio “Sunset Limited” di Cormac McCarthy, con Cosimo Rega e Arcangelo Iannace, regia di Francesco Frangipane – Dal 1° al 29 aprile, “Shenzhen significa Inferno” di Stefano Massini, con Barbara Chichiarelli, regia di Roberto Romei – Nel mese di Settembre, “Oleanna” di David Mamet, con Elisa Menchicchi e Francesco Rossini, regia di Emiliano Bronzino – Nel mese di ottobre, “Judith” di Jorge Palant, traduzione e regia di Anna Ceravolo, con Silvana Bosi e Cristina Maccà.
Fino al 31 dicembre, durante le attività teatrali, è visibile una MOSTRA Permanente della Sartoria Teatrale Farani , con abiti di scena indossati dagli artisti che hanno reso grande il nostro cinema, il nostro teatro e alcune “icone” televisive – Sono 37 gli incontri già programmati di ELISEO CULTURA, in calendario il lunedi e il martedi al Piccolo Eliseo – Tre gli appuntamenti mattutini della stagione per ELISEO RAGAZZI rivolti agli studenti della Scuole inferiori e superiori, Confermate le selezioni e lo spettacolo conclusivo per Europa InCanto – Confermato il format teatrale INCONTRI CON LA STORIA / COLPEVOLI O INNOCENTI di Elisa Greco – ovvero: La Storia a processo! (all’Eliseo, quattro lunedi alle ore 21: 12 novembre, 10 dicembre, 11 febbraio, 25 marzo) – Confermata anche, per ELISEO MUSICA, la Stagione concertistica in collaborazione con istituzioni musicali italiane con particolare sensibilià verso i giovani.
Infine – anche questo è contenuto nel corposo programma della Stagione pubblicato dal Teatro Eliseo – per ELISEO CINEMA, la presenza delle produzioni di Casanova – Luca Barbareschi, in collaborazione con Rai Cinema: “Thanks”, un film di Gabriele De Luca (scritto con Luca Infascelli e Giovanni Romoli), “Dormiremo da vecchi” (Dolceroma), regia di Fabio Resinato e “Modalità aereo”, regia di Fausto Brizzi. E, per ELISEO FICTION, due produzioni, per Rai 1, di Casanova Multimedia: “Io sono mia” e “La strada di casa 2”, regia di Riccardo Donna.