In scena “Trouble in Tahiti”, l’unico libretto scritto da Leonard Bernstein

Venerdì 19 ottobre (alle ore 20.30), al Teatro Sociale di Amelia, e domenica 21 (alle ore 11) al Teatro Secci di Terni, sarà rappresentata l’opera in un atto “Trouble in Tahiti” di cui Leonard Bernstein (1918-1990) non solo compose la musica ma scrisse anche il libretto, per l’unica volta nella sua vita. Fu scritta nel 1951, nata probabilmente da uno spunto autobiografico, i rapporti tra i suoi genitori per portare in scena le dinamiche che si stabiliscono in una coppia di mezza età, che ha raggiunto l’agiatezza economica e incarna quindi il “sogno americano”, dietro cui però si celano vite tutt’altro che felici, tra indifferenza, incomprensione e ansia, sebbene tutto sembri scorrere regolarmente tra tv, palestra e psicanalista. Il suo debutto, nel 1952, avvenne in una poco nota università del Massachusetts, perché nel periodo del maccartismo il giovane compositore-direttore-pianista era stato messo al bando dai grandi teatri americani e si era perfino visto ritirare il passaporto. Ma era talmente famoso che 3000 persone accorsero per sentire la prima di questa piccola opera.
Inoltre sono previste due recite per le scuole: il 19 alle 11 ad Amelia e il 22 alle 11 a Terni.

I protagonisti sono Dinah e Sam, colti in una giornata qualsiasi del loro matrimonio, in una sostanziale incapacità comunicativa. Questa sorta di piccolo musical a tinte dark, che si avvale di due cantanti d’opera e un trio vocale jazz, sfrutta al massimo l’eclettismo della scrittura di Bernstein, di sicura presa sul pubblico di oggi.
Sul podio, Fabio Maestri, particolarmente apprezzato come interprete di musica del Novecento e contemporanea. Carlo Fiorini firma la regia e l’impianto scenico. I due protagonisti sono Chiara Osella e Dario Ciotoli, Il trio jazz è formato da Lucia Filaci, Carlo Putelli e Luca Bruno. Suona l’Ensemble In Canto.
Lo spettacolo è realizzato, in occasione dl Centenario della nascita di Bernstein, da OperaInCanto con il contributo e il patrocinio di Regione Umbria, Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni e Comune di Terni e in collaborazione con Associazione Nuova Consonanza, Associazione Roma Sinfonietta, Università Roma Tre, Università Roma Due Tor Vergata e Ameria Festival.
In coincidenza con lo spettacolo si è svolta, presso la Biblioteca Comunale di Terni, una tavola rotonda, dedicata alla figura di Bernstein in cui si è parlato della sua figura di compositore e direttore d’orchestra e particolare attenzione è stata data al suo fondamentale contributo come divulgatore della musica colta attraverso i mass media (la serie Young’s people concerts, da lui ideata per la CBS con la partecipazione della New York Philharmonic, inaugurata nel 1958 e trasmessa in quaranta Paesi, fu un’operazione pionieristica e ancora oggi validissima).