Un disagio esistenziale ispirato al film “Deserto rosso” di Antonioni

Dal 9 al 14 ottobre al Teatro Argentina debutta in prima italiana (dopo la premìère internazionale in Svizzera per Lugano In Scena), “Quasi niente” di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, liberamente ispirato al film “Il deserto rosso” di Michelangelo Antonioni, una coproduzione tra Romaeuropa Festival 2018 e Teatro di Roma. Dopo “Reality” (2012), “Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni” (2013) e “Il cielo non è un fondale” (2016), i due Premi Ubu per l’innovazione alla drammaturgia, proseguono la loro ricerca intorno alla condizione di “marginalità” quale chiave di lettura del nostro presente, e la fatica di “stare dentro la realtà”.

Così scena e drammaturgia si costruiscono come uno spazio aperto, cerniera tra il “dentro” e “fuori”, tra l’immagine e il reale in essa sotteso. Se sullo sfondo citazioni da “Il deserto rosso” sembrano emergere sfocate, come suggestioni di un altro tempo e di un’altra storia, le parole dell’attrice Monica Piseddu, del performer Benno Steinegger, e della cantante Francesca Cuttica (in scena al loro fianco) – dicono i due autori – “raccontano della nostra quotidianità, di qualcosa di estremamente familiare perché ancorato al nostro presente”. Il duo approfondisce così la propria riflessione sul significato stesso del teatro e sul ruolo dell’attore.
In scena, continuano ancora i due autori, «siamo continuamente presenti dietro le figure. Figure che s’interrogano sul fare commedia della vita, o sul farne sempre un dramma, che sentono la fatica della propria facciata sociale, cercano in continuazione un’intimità, consapevoli della contraddizione di farlo di fronte a un pubblico che le guarda».
Parole, urla liberatorie, immagini, gesti di follia improvvisa o la poesia di una canzone pop ci parlano del disagio, della fragilità, delle crepe del reale, di una storia che nessuno sembra più voler ascoltare e che spetta al teatro, con il suo “impotente fantasticare”, portare ancora una volta in scena.

Orario spettacoli: alle ore 21, tranne mercoledi 10 e sabato 13 alle ore 19, domenica 14 alle ore 17 – Domenica 14, dopo lo spettacolo, la Compagnia dialogherà con Lorenzo Pavolini per Post It, il ciclo di incontri realizzato dal Romaeuropa Festival in collaborazione con Rai Radio 3.