Tutti gli appuntamenti con Quartieri dell’Arte, a Viterbo e dintorni

Dopo lo spettacolo inaugurale, il 26 agosto, a Bagnoregio, della 22esima edizione del festival Quartieri dell’Arte (fondatore e direttore artistico: Gian Maria Cervo., condirettore: Alberto Bassetti), la rassegna prosegue, il 29 agosto, a Vitorchiano (Complesso di Sant’Agnese) con “Razza di sogno” , scritto e diretto da Massimo Malucelli, Coproduzione del Festival con il Centro Preformazione Attoriale di Ferrara.
Il 2 e il 4 settembre, ancora a Vitorchiano, in anteprima mondiale, “LEAVeS” di Aboud Saed, Stéphane Oertli, Françoise Bérlanger,, Anna Romano, Maria Pia Selvaggio, regia Anna Romano, spettacolo presentato da Forteresse Bruxelles.
L’8 e il 9 settembre, sempre a Vitorchiano, “The Wedding” , con Katariina Lantto, Madeline Gabel, Milena Olchowska, Jakub Kordas, Filip Krupa, Eirik Langås, Peder Ulven, Andreas Vedvik, regia di Piotr Cholodzinski. Spettacolo, in prima nazionale. presentato da Mozarteum Salisburgo, Westerdals Oslo, Taide Yliopisto Helsinki, Accademia d’Arte Drammatica di Varsavia.
Dal 14 al 20 settembre si torna a Civita di Bagnoregio (Piazza San Donato) per “Pastorale contemporanea n.1” dei Fratelli Presnyakov, curatela di Gian Maria Cervo, prima mondiale.
Il 14 settembre, a Viterbo (Teatro Caffeina) ”L’ammore nun è l’ammore”, 30 sonetti di Shakespeare traditi e tradotti da Dario Jacobelli, con Lino Musella e Marco Vidino (cordofoni e percussioni), regia Lino Musella, produzione Elledieffe in collaborazione con Le Vie dei Festival.

Il 18 e 19 settembre si torna a Vitorchiano per “Sogno (ma forse no)” di Luigi Pirandello, regia di Marta Malinowska, “Cecco del Caravaggio” di Gian Maria Cervo e Francesco Di Mauro, regia di Sullivan Lioyd Nordrum, “The Contestant” di Rasim Erdem Avsar, regia di Juho Liira. coproduzione del Festival con Westerdals, Taide Yliopisto e Accademia d’Arte Drammatica di Varsavia, prima mondiale.
Il 29 settembre, a Vitorchiano, in prima mondiale, “And So My Face Became My Scar – I Was” di Danielle Pearson, regia Lorenzo d’Amico De Carvalho, “And So My Face Became My Scar – I Am” di Rasim Erdem Avsar, regia Bienvenue Akoha e Marco Lucchesi, “And So My Face Became My Scar – See Me?” di Emily Gillmor Murphy, regia Riccardo Sinibaldi .
Il 5 ottobre a Viterbo (Teatro dell’Unione), “Michelangelo Entangled n.2) di Gian Maria Cervo, con Giulia Basel e Anna Paola Vellaccio, collaborazione alla curatela Marcello Carriero e Federico Meschini, coproduzione La Dramaturgie e Florian Metateatro .”Combattimento” di Riccardo Fazi, con Annamaria Ajmone, Sara Leghissa, regia Claudia Sorace. Spettacolo presentato da Muta Imago, prima mondiale.
L’8 ottobre a Vitorchiano (Cine Tuscia Village) (“Eucp Real & Virtual Festival”, rassegna di cortometraggi e documentari.
Il 9 ottobre, a Viterbo (Centro Diocesano di Documentazione, Palazzo dei Papi) “Storia del Teatro in volumi” , regia di Fabrizio Arcuri, coproduzione del Festival con Accademia degli Artefatti e CSS di Udine.
L’11 ottobre, a Vitorchiano, “Sei donne appassionate” di Mario Fratti, con Anna Paola Vellaccio, Giulia Basel e altri sei interpreti, regia e adattamento drammaturgico Vincenzo Manna. Spettacolo presentato da Florian Metateatro e Dramma Italiano del Teatro Nazionale Croato di Fiume/Rijeka.
Il 13 ottobre, a Vitorchiano (Foresteria Comunale), “Amleto – Un’Ofelia in più” di Gian Maria Cervo, regia Alessio Pizzech. coproduzione del Festival con Drakkar, prima mondiale.
Il 14 ottobre, a Vitorchiano, “Oblòmov” di Danilo Laccetti, regia Valentino Orfeo, coproduzione del Festival con Galleria Toledo. Prima mondiale.
14 – 24 ottobre, a Bagnoregio (Palazzo Petrangeli e altre location), “The Spirituals” di Wu Ming e autori vari, regia Matteo Angius, Accademia degli Artefatti in collaborazione con il Festival, prima mondiale.

Il 1° ottobre, evento speciale, “La strage di Parigi” di Christopher Marlowe, omaggio a Juan Rodolfo Wilcock a cura di Gian Maria Cervo e Lidija Dedovic,. In collaborazione con il Festival Wilcock. Nuovo allestimento.
Il 21 ottobre, ad Acquapendente (Teatro Boni) “Jelena Sawoiska” – Una conferenza-spettacolo del Teatro Reale di Zetski Dom e La Fura dels Baus – “Bitch” di Arpad Schilling e autori vari, con Nada Vukčević, Srđan Grahovac, Stevan Radusinović, Vule Marković, Zoran Vujović, regia Arpad Schilling, del Teatro Reale di Zetski Dom, prima nazionale.
Il 23 ottobre, a Vitorchiano, “Tra le quinte dell’anima” di Nikolaj Evreinov, regia Riccardo Sinibaldi, produzione del Festival in collaborazione con Carpet, prima nazionale assoluta.
Il 24 ottobre, si torna a Ronciglione per “Timeless – Lecture”di e con Riccardo Fazi e Claudia Sorace. Muta Imago.
Evento speciale, fuori programma: dal 14 ottobre al 6 gennaio, a Bagnoregio (Palazzo Pietrangeli) “Raginald Pole, tra Michelangelo e Shakespeare” – Mostra, con opere di tiziano, Marcello Venusti, Daniele da Volterra.

Altri appuntamenti: “Ogni bellissima cosa” di Duncan Macmillan e Jonny Donahoe, con Carlo De Ruggieri, traduzione e regia Monica Nappo, coproduzione Nutrimenti Terrestri, Teatro Due Parma, Piano B – “An Evening with Aldo Pennello” di e con Aldo Pennello, produzione del Festival – “Alcool” di Emilio Celata e Sandro Nardi, con Emilio Celata, regia di Sandro Nardi. produzione Teatro Boni Acquapendenten- “Goodbye Diabolik” di Dominick Tambasco. regia Massimo Navone, Associazione Teatrale Pistoiese – Teatri di Pistoia – “ Speech #2” di e con Enzo Cosimi.