Omaggio a Edith Wharton: il divertito fascino di un “altro” mondo”

Al teatro Sala Uno, fino al 27 ottobre, si replica “Notte d’inverno con signora e fantasmi” – Omaggio a Edith Wharton -, spettacolo scritto e diretto da Riccardo Reim, che prende le mosse da lontano: partendo dall’autobiografia della scrittrice Edith Wharton, nata a New York nel 1862, morta in Francia nel 1937.

Ė dello stesso anno della morte “Ghost”, titolo di una sua raccolta di racconti sui fantasmi, in parte ispirata agli scritti di narrativa fantastica dell’ amico e maestro Henry James. Nella sua autobiografia, Edhit Wharton dichiara di essere stata ossessionata, negli anni dell’ adolescenza, da una assurda paura del soprannaturale, come pure racconta della ambigua (e in fondo divertita) fascinazione provata davanti  a prestigiatori, ventriloqui, illusionisti e “maghi” in genere. Le sue storie di fantasmi, però, hanno sempre, come filo conduttore, l’ironia, il gioco, l’incredulità e al tempo stesso la meraviglia per i tanti enigmi che la realtà propone ad ogni passo.

Che cosa fa, dunque, Riccardo Reim?

Attingendo a questi materiali letterari e autobiografici – si legge in un nota sullo spettacolo – “facendo proprio il salutare distacco ironico della scrittrice”, mette in scena una rappresentazione che si pone come una sorta di percorso “altro” della mente. Nella Parigi degli anni Venti, Madame Edith varca casualmente la soglia di un piccolo locale dove si esibiscono curiosi personaggi (semplici ciarlatani?) che sembrano appartenere ad un “altro”  mondo ed evocano inquietanti ricordi (ma sono poi soltanto ricordi?). Passato e presente si sovrappongono nel solido muro della realtà, rivelando “insospettabili, angosciosi vuoti che vanno a violare la più rigida e rassicurante della nostre convenzioni: quella che sancisce la separazione tra noi e la zona d’ombra – ovvero il mondo dei vivi e quello dei morti”.

Protagonista di sensibilità e sottigliezze  interpretative, Elisabetta Palo è Madame Edith, al suo fianco Danilo Celli, il ventriloquo e illusionista Andrea Marfori (Mago Scapinelli) con la sua partner Marta Farra (qui anche nella insolita veste di attori).

Costumi di Stefano Cioncolini, musiche di Pericle Odierna. Spettacolo presentato da Studio 12 diretto da Isabella Peroni.

Teatro Sala Uno – Piazza di Porta San Giovanni 10 (accanto alla Scala Santa). Tel. 06/ 98182993.