Teatro degli Audaci… Una stagione alle “porte di roma”

Il Teatro degli Audaci, realtà “culturale” audacemente nata e appassionatamente fatta crescere, alla sua quinta stagione: era, infatti il settembre del 2013 quando Flavio De Paola, che ne è ancora il direttore artistico, tagliava il tradizionale nastro, inaugurando la struttura che egli stesso, vendendo la propria casa, aveva “costruito” e che, insieme a pochi amici di una Compagnia degli Audaci, aveva contribuito a far crescere , in quella quasi periferia, in uno spazio concesso dall’allora Terzo Municipio, “alle porte di Roma”.
Sedici appuntamenti, di cui molti “in ospitalità” proprio per ampliare il ventaglio delle esperienze teatrali e l’interesse del pubblico.
Dopo un’unica serata, quella del 30 settembre, protagonista Emiliano Ottaviani in concerto con Simone Salerni (fagotto), Paolo Monaldi (percussioni) e con la partecipazione dell’attrice Maria Cristina Gionta, dal 5 all’8 ottobre è in scena il collaudato successo di Angelo Longoni “Xanax”, regia di Marco Cavallaro. Segue, dal 12 al 22 ottobre “Sbussolati”, scritto e diretto da Roberto D’Alessandro, protagonista Mario Zamma, attore caratterista, musicista, imitatore e “rumorista” – uno dei protagonisti degli spettacoli del Bagaglino (al Salone Margherita).

Dal 26 ottobre al 5 novembre, una versione di “Aspettando Godot” di Samuel Beckett, con la regia di Flavio De Paola, anche interprete con Gianluca Delle Fontane, Giuseppe Abramo, Emiliano Ottaviani / La più celebre opera dello scrittore irlandese, uno dei testi più noti del Novecento. Dal 9 al 12 novembre, “Il club delle vedove” di Ivan Menchell, regia e adattamento di Silvio Giordani, con Caterina Costantini, Lorenza Guerrieri e Marina Occhiena. Scene di Vera Roman, musiche di Eugenio Tassitano /Un’amicizia sincera e amorevole fra tre donne rimaste vedove, che decidono di dar vita ad un club in cui “contemplano” i defunti mariti. Battute, sarcasmo, solitudine, chiacchiere. E capriole narrative con una quarta amica che si sposa e risposa allegramente e l’arrivo di un vedovo che rompe la solidarietà tra le tre vedove… In scena dal 9 al 12 novembre.
Segue, dal 16 novembre al 3 dicembre, “Separati in scena”, spettacolo del noto duo comico Pablo e Pedro, scritto da Fabrizio Nardi e Nico di Renzo (i loro nomi anagrafici). Che dopo 23 anni di carriera artistica insieme, sono davvero … una coppia: E come una coppia, litigano.
Dal 7 al 10 dicembre, “Antonio de Curtis… In arte Totò” di Enzo De Caro e Liliana De Curtis: protagonista Enzo De Caro, suoni, piano e chitarra di Riccardo Cimino. Uno spettacolo omaggio al grande artista in occasione del cinquantesimo anniversario della morte.
Dal 14 al 17 dicembre, “Autentiche bugìe” di Paolo Pioppini, anche interprete con Antonio Romano, Carlotta Ballarini e Monica Luigini, regia di Mario Canale / Una commedia brillante che tra gaffe ed equivoci, fa emergere i caratteri di quattro personaggi che, mentendo di continuo, non distinguono più la bugia dalla verità.
Dal 28 dicembre al 21 gennaio – e Speciale Evento per Capodanno 2018 – “Il letto ovale” di John Capman e Ray Cooney, adattamento, e regia, dalla traduzione di Maria Teresa Petruzzi, di Flavio De Paola, ancora una volta anche interprete, con Maria Cristina Gionta, Emiliano Ottaviani, Giuseppe Abramo, Alessia Di Fusco, Stefano Centore, Annamaria Fittipaldi, Marina Pedinotti / “Letto ovale” è la versione italiana di “Move over mr. Markham” scritto negli anni Sessanta dai due autori londinesi / Lo spettacolo è ambientato in Italia e ai nostri giorni. L’intreccio è quello classico: due coppie a confronto, qualcuno sa qualcosa che l’altra non deve sapere, in una ci si tradisce e nell’altra no. Poi l’imprevisto, tra frenesia, eccitazione e follia, e dopo divertenti colpi di scena, la resa dei conti. E il trionfo della verità.
Dal 25 al 28 gennaio, ”Una moglie da rubare”, commedia inedita di Iaia Fiastri, “regina della commedia italiana” a fianco di Garinei Giovannini , con Patrizia Pellegrino, Stefano Masciarelli e Luigi Tani / Un uomo in crisi matrimoniale, maldestro e impacciato, rapisce la bella moglie del suo acerrimo nemico, tentando di salvare la sua faccia e il suo matrimonio. Un piano che fin dalle premesse ha poche speranze di funzionare e che avrà un epilogo del tutto inaspettato.
Dall’1 al 25 febbraio torna Cinzia Scuccimarra, protagonista del suo “Sono una donna lacero confusa” in cui fa i conti con un percorso autoriale lungo trentotto anni. Sue anche le musiche, negli arrangiamenti del fedelissimo Pino Cangialosi. Dall’1 al 18 marzo, “Unpercento… Punizione ad affetto”, testo di Francesco Stella, con Enzo Casertano e Fabio Avaro, regia di Valerio Groppa / Una divertente commedia degli equivoci che, tra situazioni comiche e paradossali, fin dall’inizio gioca sul confronto di due comicità storiche, quella napoletana e quella romana.
Altri ritorno, di uno spettacolo di successo: dal 22 al 31 marzo, “Novecento” di Alessandro Baricco, protagonista ancora una volta Flavio De Paolo, regia di Pablo Maximo Taddei. Dal 5 al 15 aprile, “Cuori senz’acqua”, testo e regia di Luigi Russo, con Fabio Fulco, Donatella Pompadur e Cosetta Turco / Un misterioso incidente aereo fa incontrare, su un’isola deserta, gli unici tre sopravvissuti. E la sopravvivenza porta l’essere umano alla esasperazione. La loro convivenza forzata sarà motivo di situazioni divertenti e paradossali. Una commedia che prende in giro le nostra debolezze e le nostre paure, attraverso citazioni televisive e letterarie, un gioco teatrale dove la sopravvivenza diventa spettacolo.
Dopo “La tana” di Alberto Bassetti, con Benedicta Boccoli, regia di Enrico Maria Lamanna – testo vincitore, nel 1990, di un Premio Idi, in scena dal 19 al 29 aprile -, la stagione si conclude con “Rumors” , celeberrimo testo di Neil Simon, con la regia di Flavio De Paola, anche interprete con gli attori della Compagnia degli Audaci. Dal 3 al 27 maggio.
In cartellone anche quattro spettacoli di Teatro per bambini, in scene sempre di sabato pomeriggio: uno tratto dalla fiaba “La regina delle nevi”, gli altri da “La bella e la bestia”, ”Mary Poppins” e dalla fiaba polinesiana “La leggenda di Maui”.ù

Tearo degli Audaci – Via Giuseppe De Santis . Tel. 06/ 9437 6057 – Informazioni anche su: www.teatrodegliaudaci.it (info@teatrodegliaudaci.it).