Il Teatro Olimpico tra commedia, danza e magìa

La stagione 2014-2015 del Teatro Olimpico si è inaugurata con… un vero e proprio Festival della comicità di fine estate: prima “I ragazzi di Colorado”, poi il ritorno di Alessandro Di Carlo che quest’anno compie i 25 anni di carriera, e poi il ciclone Dario Cassini che per la prima volta è salito  sul palcoscenico del Teatro Olimpico.

Il 28 ottobre, con repliche fino al 9 novembre, è in scena la commedia  “Anche se sei stonato”, scritta, e interpretata, dal “ruggente coniglio” Marco Presta per l’eclettico Max Paiella / La vita consiste nel farsi una ragione di quello che accade. Ma se qualcosa accade in amore, tutto diventa più difficile. “Anche se sei stonato” racconta la storia di Giacomo, lasciato dalla moglie: molto probabilmente lei ha un altro e Giacomo non riesce a farsene una ragione. Gli amici, il suo psicologo, tutti gli consigliano di “spostare l’attenzione” dai suoi problemi coniugali a qualcosa che lo distragga. Giacomo inizia, così, a seguire un corso di canto, benché non abbia alcuna predisposizione per la musica. Il suo insegnante è Valerio e, anche se i due sono diametralmente opposti, tra una lezione e l’altra diventano grandi amici. Riuscirà Giacomo a risolvere i suoi problemi con l’aiuto di Valerio e della musica? Certe volte succedono cose incredibili. Anche se sei stonato.

Dall’11 al 16 novembre è in cartellone una Settimana dedicata alla musica leggera italiana, al suo ritorno sul palcoscenico che ha visto esibirsi in passato tutti i grandi nomi del settore. Dopo il grande successo dello scorso anno, con una serie straordinaria di sold out, chiudono novembre i Momix in “Alchemy” del geniale Moses Pendleton (18-30 novembre).

A dicembre (dal 2 al 7) atteso debutto in Italia per il nuovo spettacolo di Miguel Ángel Berna: il ballerino spagnolo ha sempre cercato ritmi, melodie, temi e culture in grado di essere racchiusi in uno spettacolo. E in “Mediterraneo” tutto scorre così, di canto in canto, di danza in danza. Sempre a dicembre (10- 14) prosegue il percorso nel mondo della grande danza, questa volta attraverso due capolavori della storia del balletto firmati da Marius Petipa, sulle più amate e famose composizioni di Cajkovskij: “i lago dei cigni” e “Lo schiaccianoci”. Presentati dal Balletto di Mosca.

È l’umorismo di Vincenzo Salemme a dare il benvenuto al nuovo anno con la commedia “Sogni e bisogni” / Il protagonista Rocco, un anonimo e sconsolato piccolo borghese, la mattina di Ferragosto si rende conto che la sua virilità lo ha abbandonato: il suo… alter ego è diventato un’entità autonoma dall’ironico nome di “Tronchetto della felicità”. Trascurato e considerato un semplice “inquilino del piano di sotto”, il Tronchetto si presenta dal suo antico padrone e gli dice chiaramente: «se non ricominci a sognare, tu non mi vedi più»… In scena dal 16 dicembre al 25 gennaio.

Come ogni anno, tra gennaio e febbraio c’è l’irrinunciabile appuntamento con “Supermagic”, festival della magia giunto ormai alla dodicesima edizione. Il nuovo spettacolo si intitola “Meraviglia”, e presenta otto tra i migliori prestigiatori, manipolatori, mentalisti e illusionisti provenienti da tutto il mondo. Dal 29 gennaio all’8 febbraio. Arriva a febbraio (il 10 con repliche fino all’8 marzo) il nuovo spettacolo di Lillo & Greg, nato dalla loro proverbiale e geniale ironia, unica surreale e travolgente / Questa volta ci trascinano con loro per vivere una rocambolesca vicenda in uno spazio-tempo “ai confini della realtà”. Nel giorno del suo cinquantesimo compleanno, il protagonista de “La fantastica avventura di Mister Starr” riceve in regalo dal nonno, famoso e bizzarro archeologo, un misterioso libro in codice. Da quel momento inizia il suo viaggio attraverso universi paralleli e sconosciuti, tra incontri assurdi e situazioni paradossali. Battute fulminanti, umorismo dissacrante, colpi di scena imprevedibili. Una sola promessa: alla fine sarà dura tornare alla realtà.

A fine marzo, dal 27 al 29, è nuovamente di scena la magia con Gaetano Triggiano e il suo “Real Illusion.”, dopo i successi di Shangai, Montreal e Parigi / Uno spettacolo in cui i sogni e le illusioni diventano realtà, tra situazioni oniriche, apparizioni, colpi di scena e trasformazioni ad una velocità estrema, per un’esperienza coinvolgente e spettacolare.

Ad aprile torna Massimo Ranieri con uno show unico, in cui l’artista mescola tutti i suoi cavalli di battaglia con quelli dei grandi autori di musica e teatro. Canzoni e monologhi si intrecciano ad un racconto giocoso e provocatorio, un inno alla vita, all’amore e alla speranza. In scena dal 7 al 19 aprile. Aprile si chiude (21-26) con Antonio Giuliani e il suo nuovo spettacolo “Identikit”, conclusione di una sarcastica trilogia che ha come filo conduttore il nostro Bel Paese.

Anche quest’anno, alla stagione teatrale si affianca il programma del Festival Internazionale della Danza 2015 (dal 10 marzo al 17 maggio). L’Accademia Filarmonica Romana e il Teatro Olimpico presentano la quinta edizione di questa rassegna, affermata realtà del panorama culturale romano, con 5 spettacoli.

Informazioni: tel. 06/ 3265991.