Se un operaio calabrese, immigrato a Milano, vuol tornare “a casa”…

Dal 14 ottobre al 2 novembre, al Teatro de’ Servi è in scena “Milano non esiste”, dall’omonimo romanzo di Dante Mafia, adattato e diretto da Roberto D’Alessandro.

Dopo 43 anni di lavoro in una fabbrica di Milano, un operaio calabrese sposato a una meneghina doc con cui ha avuto cinque figli, cerca di attuare il suo folle piano: portare tutta la famiglia a vivere in una casa che si è costruito, dopo anni di sacrifici, in riva al mare, nella sua amata Calabria.

Il suo proposito è destinato però ad infrangersi contro il coriaceo diniego della moglie e dei figli, che non sono forse “milanesi milanesi”, ma che sicuramente non sono calabresi. E che comunque di andarsene in Calabria non vogliono proprio saperne. E così, tra una cena e l’altra, si dipana una divertente commedia sull’emigrazione. Si ride, ci si commuove e si riflette.

 

Gli interpreti: Lui (il protagonista non ha nome  perché potrebbe essere qualsiasi immigrato) è Roberto D’Alessandro. Gli sono accanto, Daniela Stanga, Domenico Franceschelli, Sara Borghi, Riccardo Bergo, Andrea Standardi, Annabella Calabresi. Scene e costumi di Clara Surro.

 

Teatro de’ Servi – Via del Mortaro 22 – Tel. 06/ 6795130.

 

Per tutti i prossimi spettacoli del Teatro de’ Servi, seleziona qui a fianco le pagine sulla Stagione Romana 2014-2015.