Calvi Festival: al teatro, la musica, i film, si aggiungono le mostre d’arte

Nella storica cittadina Calvi dell’Umbria, dal 4 agosto torna Calvi Festival, terza edizione della rassegna di teatro, cinema, musica e danza, diretta da Francesco Verdinelli. Come consuetudine gli appuntamenti avranno luogo nella centrale Piazza Mazzini, in Piazza Sant’Andrea, nel Monastero delle Orsoline.
Quest’anno è la danza ad aprire il Festival, sabato 4 agosto alle 18.30: il coreografo e regista Ricky Bonavita presenta “Pulsazioni”, un percorso di conoscenza poetica al cui interno la danza lascia nell’aria il riverbero delle emozioni, delle pulsazioni dell’anima.
Sempre il 4 agostom alle 21,15, parte la rassegna cinematografica Nuovo Cinema Italiano, a cura dell’associazione Viatores Umbro Sabini in collaborazione con il Comune di Calvi dell’Umbria. In cartellone:”Indivisibili” di Edoardo de Angelis , “Cuori puri” di Roberto de Paolis, “Ammore e malavita” di Manetti Bros, film per bambini e alcuni cortometraggi proiettati nel corso della “Maratona dei corti” in scena a Roma. Il 31 agosto agosto è in programma “Calvi doc”, la proiezione di due documentari, con la regia di Salvatore Braca, realizzati per la Rai su cittadini, particolarità ed eccellenze di Calvi dell’Umbria.
Leggi tutto

Musica e canto in quel “viaggio” su un burchiello nel Seicento

Tra gli appuntamenti più attesi del festival Urbino Musica Antica – 50esima edizione, quello conclusivo di giovedì 26 luglio al Salone Raffaello del Collegio Raffaello (ore 21.30) con la messa in scena della rara rappresentazione di “Barca di Venetia per Padova” di Adriano Banchieri offerta dall’” Ensemble Dramatodía con la regia, le scene, i costumi (tutti realizzati a mano nello stile dell’epoca) e la direzione musicale affidata ad Alberto Allegrezza.
“Commedia harmonica” come venne definita nel Seicento, “Barca di Venetia per Padova” è un divertente racconto del viaggio del burchiello che anticamente collegava Venezia a Padova e dei vari personaggi presenti a bordo e delle loro storie. Pubblicata a Venezia nel 1605 per i tipi di Ricciardo Amadino, la “Barca” venne composta da Adriano Banchieri, monaco olivetano del convento bolognese di San Michele in Bosco, compositore e teorico musicale fra i più illustri del primo Seicento.
Leggi tutto

Fine luglio e primi di agosto al Festival di Borgio Verezzi

Il cartellone del mese di luglio del Festival di Borgio Verezzi, si chiude con altre due prime nazionali: martedi 24 luglio con “Il diario di Adama ed Eva” di Marck Twain e venerdi 27, con repliche il 28 e il 29, di “Squalificati” di Pere Riera.
Nel primo spettacolo, interpretato da Barbara De Rossi e Francesco Branchetti (che firma anche la regia), attingendo al Mito della Creazione, Marck Twain narra come siano andate le cose fra l’uomo e la donna in chiave ironica ed umoristica, ma anche fiabesca e romantica. Nel secondo spettacolo, “Squalificati” di Pere Riera, con Stefania Rocca, Andrea De Goyzuela e Fabrizio Vona. regia di Luigi Melchionna, una esperta e notissima giornalista deve affrontare l’intervista più difficile della sia carriera: quella al Presidente del Paese presumibilmente coinvolto in un crimine aberrante. Il cui segretario e addetto stampa farà del tutto per convincere l’intervistatrice a dubitare di se stessa prima di tutto. Un gioco raffinato, una partita a scacchi tra re, cavaliere e torre avversaria tra ambiguità, rovesciamenti, ricatti e amletiche scelte tra carriera e famiglia.
Leggi tutto

A Narni torna “Le Vie del Cinema”, rassegna del film restaurato

Dal 25 al 29 luglio 2018, Narni – lo storico e caratteristico centro in provincia di Terni – ospita la 24esima edizione di “ Le vie del cinema” la rassegna di cinema restaurato, diretta da Giuliano Montaldo e Alberto Crespi e organizzata per iniziativa del Comune di Narni con la collaborazione della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Cineteca di Bologna, Mediaset/Rti, Filmauro. Come ogni anno, anche questa edizione propone una ricca selezione di film di recente recupero proiettati ogni sera sotto le stelle, a partire dalle 21.sul grande schermo allestito nel Parco pubblico Bruno Donatelli di Narni Scalo e presentati da ospiti illustri.
Leggi tutto

Altre due prime nazionali al Festival di Borgio Verezzi

Seconda settimana dell’edizione 2018 del Festival di Borgio Verezzi: mercoledi 18, giovedi 19 e venerdi 20 luglio, in prima nazionale, con la regia di Patrick Rossi Gastaldi, va in scena “Quartet” di Ronald Harwood, da cui, nel 2012, è stato tratto l’omonimo film, con cui Dustin Hoffman debuttava nella regia / A quattro grandi interpreti d’opera, ospiti in una casa di riposo, viene offerto di rappresentare, in una serata di gala, un loro cavallo di battaglia, il noto quartetto “Bella figlia dell’amor” dal “Rigoletto” di Giuseppe Verdi.il Torneranno non solo sulla scena ma faranno ascoltare le loro voci riscoprendosi giovani e gloriosi come un tempo.
Gli interpreti: Giuseppe Pambieri, Cochi Ponzoni, Paola Quattrini,, Giovanna Ralli.
Domenica 22, altro debutto nazionale con una “Scuola delle mogli” di Molière diretto da Arturo Cirillo, anche interprete con Valentina Picello, Rosario Giglio, Marta Pizzogallo e Guglielmo Vigentini.

Informazioni e prenotazioni: biglietteria tel. 019/ 610167,(orario 10,30-13 e 16,30-18,30 anche la domenica).

Borgio Verezzi: apre il teatro musicale, poi un Pirandello… in Liguria

Dopo l’entusiasmo suscitato lo scorsa estate da “Le bal” (la cui Compagnia tornerà quest’anno in chiusura con “Non si uccidono così anche i cavalli?“), ad inaugurare il 52^ Festival di Borgio Verezzi – quasi un’anteprima -, sabato 7 luglio, è ancora uno spettacolo teatralmusicale: sul palcoscenico di piazza Sant’Agostino sarà rappresentato “Le dive dello swing”, con il Trio Ladyvette (Teresa Federico, Valentina Ruggeri, Francesca Nerozzi), accompagnato al pianoforte da Roberto Gori.
Reduci dal successo nella fiction tv “Il Paradiso delle signore”, le attrici e cantanti del Trio Ladyvette riprendono ora lo spettacolo, diretto dal regista Massimiliano Vado e da loro scritto con lo stesso Vado, Giorgio Prosperi e Lillo Petrolo, del duo Lillo&Greg, che ne ha la supervisione artistica. un divertente intreccio di prosa e canzoni, vagamente ispirato al Trio Lescano, per raccontare le vicende di tre giovani sorelle, impegnate nei difficili inizii della carriera artistica tra audizioni, improbabili fidanzati e litigi, fino al più classico dei lieto fine.
Leggi tutto

Quando una storia personale si intreccia con la storia di un’epoca

Al Teatro Mercadante di Napoli, in prima nazionale, fino all’11 marzo è in scena “La banalità dell’amore”
di Savyon Liebrecht, regia di Piero Maccarinelli. La protagonista di quest’opera è Hannah Arendt, una delle più importanti figure del ‘900 europeo, nata in Germania e costretta ad emigrare a causa delle leggi razziali prima in Francia e poi negli Stati Uniti.
Nel suo appartamento di New York, Hannah riceve la visita di un giovane che le chiede un’intervista televisiva, presentandosi come un ricercatore dell’archivio della Shoah dell’Università di Gerusalemme.
Leggi tutto

In anteprima romana, “prigionieri al settimo piano”

Al Teatro Tor Bella Monaca dal 2 al 4 marzo, è in scena -in anteprima romana – “Prigionieri al settimo piano”, una commedia di MariaLetizia Compatangel, con Gianna Paola Scaffidi, Rosario Galli ed Elia Paniccia, regia di Donatella Brocco.
Testo di preoccupante attualità, racconta la crisi, ma soprattutto la disonestà altrui, che mettono in ginocchio una coppia di intellettuali che in altri tempi avrebbe potuto dichiararsi privilegiata: i risparmi di una vita bruciati in investimenti truffaldini, consigliati dalla banca. L’appartamento dove vivono, al settimo piano di un palazzone di periferia fa gola agli speculatori, che hanno già sfrattato tutti i vecchi inquilini. Come proprietari sono al sicuro, ma dovranno partecipare al costosissimo restauro e soprattutto fare i conti con tanti “avvertimenti” minacciosi. Prigioniera in casa propria, la coppia lotta col destino, fino al colpo di scena e a un finale sorprendente.
Lo spettacolo, presentato da Centro Teatrale Meridionale Cooperativa di produzione e distribuzione, sarà di scena dal !3 marzo al 1° aprile al Teatro de’ Servi.

Una “CircOpera” da Bach, con cantanti-musicisti-clow-acrobati

Venerdi 1° dicembre, per la 50esima stagione lirica del Teatro Pergolesi di Jesi, alle ore 18.30 e alle 21, va in scena, in prima rappresentazione assoluta, “Caffè Bach”. CircOpera – format nuovissimo che fonde i linguaggi dell’opera lirica e del circo –, un atto di Giacomo Costantini (che firma anche scene e regìa), con musiche di Franca Bettoli, Andrea Cappelli e Stefano Carloni , dalla “Cantata del caffè” di Johann Sebastian Bach.
Si tratta di un nuovo allestimento e di una nuova produzione della Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con il Circo El Grito, una due compagnie italiane di circo contemporaneo riconosciute dal Ministero dei beni e delle attività culturali, che dal 2016 ha sede presso il Teatro Pergolesi di Jesi, “facendo coincidere la produzione con le sensibilità del mondo nomade e trasversale del circo contemporaneo e quello dell’opera lirica”.
Leggi tutto

A cena con Michelangelo: e il teatro diventa cinema

A conclusione della rassegna I Quartieri dell’Arte, da mercoledì 1 a domenica 5 novembre, a Vitorchiano, nel Complesso di Sant’Agnese (ore 21), Dramaturgie e Ianus presentano in prima assoluta lo spettacolo interattivo “Michelangelo Entangled” di Gian Maria Cervo (da Autori Vari), che prende spunto dal carteggio storico tra Pietro Aretino e Michelangelo a proposito della realizzazione del “Giudizio universale”. La regia è di Francesco Di Mauro. Massimiliano Vado vestirà i panni dell’Aretino, mentre Buonarroti sarà Angelo Tanzi. In scena anche gli allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia.
Lo spettacolo site-specific sarà una sorta di “Metti una sera a cena con… Michelangelo & Co”’. L’allestimento prevede anche la produzione di un instant movie. Le telecamere, infatti, saranno pronte a riprendere gli spettatori e i protagonisti intenti al banchetto, in un gioco cinematografico che potrebbe anche arrivare a capovolgere i ruoli.
Leggi tutto