In sei Borghi del Cilento una rassegna e incontri su Ambiente Natura e Arte

Si svolge dal 30 luglio al 14 agosto, in alcuni Comuni del Cilento, la VII edizione del Festival Segreti d’Autore – rassegna dell’Ambiente, delle Scienze e delle Arti, ideata da Ruggero Cappuccio, direttore artistico Nadia Baldi- sottotitolo: Natura della legalità, Legalità della Natura. Progetto co-finanziato dal Piano Operativo Complementare per i beni e le attività culturali della Regione Campania. Una manifestazione aperta gratuitamente al pubblico nei borghi di Sessa Cilento, Serramezzana, Omignano, Stella Cilento e Perito, che si propone come osservatorio civile dei rapporti tra il patrimonio culturale italiano e studiosi, scrittori, associazioni, musicisti, attori impegnati per la sensibilizzazione del connubio uomo-territorio.
Leggi tutto

Oltre cinquanta appuntamenti al festival di Mezza Estate di Tagliacozzo

La 33esima edizione del Festival internazionale di Mezza Estate di Tagliacozzo è in programma quest’anno dal 28 luglio al 25 agosto, presidente il sindaco Vincenzo Giovagnorio (in collaborazione con Chiara Nanni, assessore alla cultura), nuovo direttore artistico Jacopo Sipari di Pescasseroli.
Ai luoghi consueti del Festival – Piazza dell’Obelisco, Chiostro di San Francesco, Teatro Talia e Palazzo Ducale – si aggiunge quest’anno il Parco della Rimembranza (il Giardino di Piazza Duca degli Abruzzi), fuori le “mura storiche” ma dentro la città. Altri appuntamenti nella Chiesa della Ss.Annunziata.
Cinquantasette gli appuntamenti di questa stagione – anche tre nella stessa giornata – raccolti in “cicli tematici”. Come il Ciclo Sinfonico, per esempio, che prevede il concerto inaugurale con “Carmina Burana” di Carl Orff, con l’Orchestra Filarmonica del Festival – assoluta novità per la rassegna: un complesso orchestrale “stabile – in residenza” per tutta la durata della manifestazione, di cui fanno parte musicisti del territorio abruzzese e di strutture italiane (come il San Carlo di Napoli), ma anche musicisti di realtà straniere come il Teatro Nazionale di Belgrado, il Teatro dell’Opera Nszionale Rumena di Cluj-Napoca, e la Radiotelevisone Serba.
Altra novità, nel cartellone di questa edizione del Festival: nel Ciclo Opera, la rappresentazione di un’intera opera: un “Barbiere di Siviglia” in cui al fianco dell’0rchestra del Festival c’è il Coro Lirico d’Abruzzo (diretto da Fabio D’Orazio).
Leggi tutto

Otto prime nazionali al Festival teatrale di Borgio Verezzi

L’edizione 2017 del Festival teatrale di Borgio Verezzi, si apre la sera dell’ 8 luglio con una anteprima intitolata “Le Bal” – L’Italia balla dal 1940 al 2001”, regia di Giancarlo Fares su un format di Jean-Claude Penchenat. Spettacolo presentato da Alessandro Longobardi per Viola Produziomni, ispirato al film “Ballando ballando” di Ettore Scola, con quattordici attori-ballerini che, attraverso canzoni “specchio di un’epoca”, raccontano mezzo secolo del nostro Paese. Un periodo che coincide con la storia del Festival che è alla sua 51esima edizione…
Dieci spettacoli, otto dei quali in prima nazionale, un programma articolato in ventidue serate che propone drammi e commedie con il filo conduttore del Potere nelle sue più svariate accezioni. C’è il potere della seduzione, per esempio, in una “Vedova scaltra” goldoniana in scena dal 13 al 15 luglio con la regia di Gianluca Guidi. Progetto artistico di Gianluca Ramazzotti, interpretato da Francesco Inaudi, Giuseppe Zeno,Fabio Ferrari, Riccardo Bocci, Alessandra Coimato Alessio Sica, Claudia Ferri, e con Renato Cortesi. E c’è il potere degli equivoci nella commedia “Che cosa hai fatto quando eravamo al buio?” di Claude Magnier, da cui fu tratto il film del 1968 interpretato da Doris Day, con Miriam Mesturino, Alessandro Marrapodi e Giorgio Caprile, anche regista. In scena lunedi 17 luglio.
Leggi tutto

Nell’Anfiteatro romano di Sutri , il Caligola di Camus “al femminile”

Sabato 8 luglio, alle ore 20.15, nell’Anfiteatro romano di Sutri, la Mda (Mimo Danza Alternativa) Produzione Danza porta in scena un classico della drammaturgia, “Caligola”. Rappresentata per la prima volta a Parigi nel 1945, l’opera teatrale di Albert Camus, è stata rielaborata in diverse versioni dal 1937 al 1958, con rilevanti differenze nelle tre stesure. Questa versione, va in scena nell’ambito della XVIII edizione di Teatri di Pietra – nel Lazio, organizzata da Pentagono Produzioni e Circuito Danza Lazio, in collaborazione con il Comune di Sutri e il patrocinio del Ministero dei beni e le attività culturali e del turismo, della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale e la Regione Lazio. Direzione artistica Aurelio Gatti.
Leggi tutto

Un mese di appuntamenti per il Festival Pontino di Musica

Dal 30 giugno al 31 luglio si svolge la 53esima edizione del Festival Pontino di Musica, ventuno appuntamenti distribuiti nei luoghi ormai storici della rassegna: il Castello Caetani di Sermoneta, l’Infermeria dell’Abbazia di Fossanova, la suggestiva cornice dell’Oasi di Pantanello nelGiardino di Ninfa, il Chiostro di Sant’Oliva a Cori cui si aggiungono quest’anno i Giardini del Palazzo Comunale di Latina e la Chiesa di San Francesco d’Assisi, sempre a Latina. Musica di ogni genere, dal jazz alla classica, con una attenzione particolare alla musica contemporanea e agli autori di oggi, già conosciuti oppure giovanissimi, e protagonisti noti solisti e orchestre e ensemble da camera, cui si affiancano spesso i talenti dei Corsi di Perfezionamento Strumentale e di Interpretazione Musicale che si svolgono durante il Festival.
Novità importante per il Festival Pontino è la recente nomina di Elisa Cerocchi a Presidente della Fondazione Campus Internazionale di Musica. “Per storia ed esperienza ritengo Elisa Cerocchi, vicepresidente e coordinatrice artistica del Campus, la persona più adatta a ricoprire il ruolo di Presidente in questo momento di cambiamento”, ha detto il Presidente uscente Luigi Ferdinando Giannini. La nuova Presidente è figlia di Riccardo e Maria Teresa Cerocchi, il cui nome è legato alla storia del Campus per averlo animato per più di quarant’anni con un’attività di rilevanza internazionale.
Questi dettagli del cartellone.
Leggi tutto

Il Festival di Pasqua di Montepulciano dura… un mese

Con un concerto ad inviti – in anteprima – ospitato nell’Ambasciata Svizzera a Roma – che con diversi altri enti è tra le collaborazioni che hanno reso possibile la realizzazione anche dell’edizione 2017 – si è inaugurato il terzo Festival di Pasqua di Montepulciano, che si trasferisce subito in Toscana, sabato 15 aprile, con un concerto presso il Teatro degli Arrischianti di Sarteano. Per proseguire poi sabato 16 presso la Cattedrale di Chiusi, lunedì 17 a Montepulciano presso la Chiesa del Gesù e concludersi domenica 30, sempre a Montepulciano, al Teatro Poliziano.
Leggi tutto

Uno spettacolo teatrale all’Aeroporto di Lampedusa

Spettacolo, sotto molti aspetti, curioso, singolare, ma indubbiamente, da segnalare, questo “Una rosa appesa al cielo” di Anna di Baldo e Guido Barbieri. Singolare, innanzitutto perché – venerdi 18 dicembre alle ore 17.30 – va in scena nella Sala Partenze dell’Aeroporto di Lampedusa, e perché dello spettacolo sono coautori-realizzatori-interpreti (con la collaborazione degli insegnanti) gli allievi delle locali Scuole di primo e secondo grado “Luigi Pirandello”. Musiche originali di Paolo Marzocchi, da lui anche eseguite con la partecipazione degli strumentisti dell’associazione musicale “Lipadusa”.
Leggi tutto

Il dramma dalle Montagne Nera del Montenegro

Nell’ambito della rassegna dei Quartieri dell’Arte, giovedì 3 novembre, a Viterbo (ex chiesa di sant’Egidio, corso Italia, ore 21), va in scena “As far as the view goes” – I lavoratori della Montagna Nera, l’ultimo lavoro di Arpad Schilling, uno dei più apprezzati e originali registi dell’attuale panorama europeo. Lo spettacolo, realizzato dal Teatro Reale di Zetski Dom – Teatro nazionale del Montenegro – arriva al festival Quartieri dell’Arte pochi giorni dopo la sua prima mondiale a Cetinje, come parte del progetto EU Collective Plays! co-finanziato dal Programma Creative Europe dell’Unione Europea. Di Arpad Schilling è anche la regia.
“Tra le Montagne Nere la lotta è per la sopravvivenza” – dichiara l’autore e regista – “La fabbrica sta chiudendo, la banca sta andando a rotoli, i politici raccontano le solite balle, la gente nelle strade è piena di rabbia, e i giovani se ne vanno. Noi analizziamo questa dura condizione e tentiamo di affrontare le nostre paure. La violenza non è mai una soluzione, ma che si può fare quando tutte le speranze sono finite? Riceviamo ogni giorno dal mondo notizie terribili, ma siamo in grado di capirle davvero solo se ne sentiamo il peso. Stiamo annegando in una condizione di crisi permanente: vogliamo vendetta, abbiamo bisogno di ridere o di morire in fretta. Il teatro non è la realtà. Teatro significa esagerazione, errore, satira. Il teatro è una trappola, e noi ci siamo dentro.”

Marlene Dietrich, e una riflessione sul rapporto tra follia e mito

Per la rassegna I quaderni dell’Arte, il 14, 15 e 16 ottobre, a Viterbo, nella chiesa di Sant’Egidio (ore 21) è in scena “Marlene, l’unica moglie”, novità assoluta di Valeria Botta, regìa di Marco Mattolini, interpreti Giancarlo Ratti e Donatella Pandimiglio con Marco Simeoli, musiche di Roberto Gori, al pianoforte con Fabrizia Pandimiglio al violoncello.
Lo spettacolo nasce da una ricerca capillare sulla vita della celebre diva Marlene Dietrich da parte di Valeria Botta, giovane autrice di narrativa e di televisione, e dal desiderio, condiviso da Marco Mattolini e Donatella Pandimiglio, non solo di rendere omaggio ad una personalità artistica cruciale del secolo scorso, ma anche capire le ragioni del suo essere oggetto di amori e odi assoluti dai suoi ai nostri giorni.
Leggi tutto

Compie 20 anni il festival Quartieri dell’Arte di Viterbo

Dal 4 settembre al 3 novembre, a Viterbo, si svolge la ventesima edizione del festival internazionale di teatro e drammaturgia Quartieri dell’Arte, direttore artistico Gian Maria Cervo e co-direttore Alberto Bassetti: 10 Paesi coinvolti – Belgio, Germania, Italia, Norvegia, Russia, Spagna, Uk – Regno Unito e Ungheria. Più di 60 spettacoli – 11 le prime mondiali. Conclusione di un ciclo fondato sulla comparazione degli orientamenti politecnici e polivocali del Teatro rinascimentale con le istanze di quello contemporaneo. Oltre a Viterbo, gli appuntamenti interesseranno anche Vitorchiano e Bagnoregio.
Leggi tutto