Un “Flauto magico” di Mozart tra danza e arti visive

Domani sera, mercoledi 18 ottobre alle ore 21, con un’unica replica giovedi 19 alle ore 17, il Teatro Greco ospita l’Astra Roma Ballet di Diana Ferrara nella nuova produzione “Il flauto magico” (ispirato all’opera di Mozart su libretto di Schikaneder), con le coreografie di Paolo Arcangeli e le videografie del regista Marco Schiavoni, e scenografie di Emanuele Luzzati, bellissime illustrazioni provenienti dal laboratorio dell’omonimo Museo, a Genova, intitolato al celebre artista italiano del quale ricorre il decennale della scomparsa.
Leggi tutto

Poesia e musica, serata benefica per ricordare Alda Merini

Lunedi 23 ottobre, il Sistina, in occasione dell’ottavo anno dalla scomparsa della scrittrice Alda Merini – poetessa degli “ultimi” -, ospita una serata intitolata “Il Concerto”, promossa dal Consiglio italiano per i rifugiati che devolverà l’intero incasso a sostegno delle attività in favore dei richiedenti asilo e rifugiati presenti sul nostro territorio, con particolare attenzione ai minori stranieri non accompagnati e alle vittime di tortura. Il Consiglio italiano per i rifugiati, presieduto da Roberto Zaccaria, è un’organizzazione umanitaria indipendente costituitasi nel 1990 su iniziativa delle Nazioni Unite.
Della serata saranno interpreti principali Giovanni Nuti (il cantautore che ha tradotto in musica le poesie della Merini), Monica Guerritore (che ha portato in scena “Mentre rubavo la vita”, uno spettacolo musicale ispirato a suoi testi), con un gruppo di artisti che con 24 canzoni tributeranno un omaggio alla grande poetessa: Simone Cristicchi, Peppe Barra, Enzo Gragnaniello, Rita Pavone, Fabio Armiliato, Grazia Di Michele, Iskra Menarini, Andrea Mirò & Dario Gay, Daniela Poggi e Renzo Arbore, che ha manifestato la sua intenzione di essere presente all’evento come ospite d’onore.
Idealmente vicina agli emarginati – emarginata lei stessa- , le sue canzoni sono un richiamo alla “vicinanza tra esseri umani”. Sul palco, Alda Merini riprende vita con tutta la sua passione incandescente, le sue contraddizioni, i suoi tormenti, la sua sensualità e la sua dolorosa pietà.

Teatro Sistina – Informazioni e prenotazioni: tel. 06/ 4200711 – 392 8567896 – Prezzo biglietti: poltronissima €50 – poltrona e I galleria €30 – seconda e terza galleria €15.

Teatro Parioli – Che cosa c’è dietro lo slogan “nuovi Scenari”?

Con lo slogan, Nuovi Scenari, il Teatro Parioli, con la direzione artistica di Luigi De Filippo per il sesto anno consecutivo, presenta un cartellone, quello del 2017-2018, ricco di conferme ma anche di novità con l’obiettivo di allargare la platea con una stagione più “traversale”.
Spettacolo inaugurale, dal 24 ottobre al 5 novembre, “Poker” con Francesco Montanari e la regia di Antonio Zavatteri, seguito – dal 7 al 19 novembre – da “ L’avaro” di Molière con Alessandro Benvenuti e la regia di Ugo Chiti. A seguire, sempre Alessandro Benvenuti, ma qui in veste di regista, dal 21 novembre al 3 dicembre – con “Sabbie mobili”, risate e allegria con Roberto Ciufoli, Nino Formicola, Max Pisu.
Due notissime attrici, Valeria Fabrizi e Simona Marchini, dirette da Enrico Maria Lamanna, saranno protagoniste, soltanto dal 5 al 10 dicembre, della divertente e commovente commedia “Due civette sul comò”, tratta dal testo del Premio Pulitzer David Lindsay-Abaire.
Leggi tutto

In prima assoluta, revisione di Stravinsky firmata da De Simone

Gli appuntamenti del Martedi Sera dell’Istituzione Universitaria dei Concerti nell’Aula Magna della Sapienza (per la stagione 2017-2018) si inaugurano il 17 ottobre, alle ore 20.30), con la prima assoluta completa della revisione de “Le Nozze” di Igor Stravinsky , in lingua garganica, ad opera di Roberto De Simone. In programma anche “Petrouchka” dello stesso Stravinsky e “Nessun luogo è lontano per sei percussionisti”, una novità assoluta di Marcello Filotei.
Il balletto di Stravinsky è scritto per quattro voci soliste, coro e un gruppo strumentale assolutamente inedito, formato da quattro pianoforti e sei percussionisti: proprio quest’organico strumentale così insolito e per l’epoca assolutamente rivoluzionario, ha ostacolato la diffusione di quello che è uno dei massimi capolavori del compositore più rappresentativo del ventesimo secolo.
Leggi tutto

Anche da uno spinoso cactus può sbocciare un fiore…

Al Teatro della Cometa si replica fino al 22 ottobre – spettacolo inaugurale della stagione 2017-2018 – “Fiore di cactus” di Pierre Barillet e Jean-Pierre Grédy, protagonisti Benedicta Boccoli e Maximilian Nisi, regia di Piergiorgio Piccoli e Aristide Genovese. Dal testo di “Fiore di cactus”, è stato tratto l’omonimo film diretto, nel 1969, da Gene Sachs, interpretato da Walter Matthau, Ingrid Bergman e Goldie Havn (vincitrice di un Oscar come migliore attrice non protagonista).
Leggi tutto

Antologia da palcoscenico e tre novità in “W Momix Forever”

Nell’ambito della stagione 2017-2018 dell’Accademia Filarmonica Romana, da martedi 17 ottobre al 5 novembre, al Teatro Olimpico è in scena “W Momix Forever”, spettacolo nato per festeggiare il traguardo dei 35 anni dei Momix, trascorsi a calcare le scene più importanti di tutto il mondo. Per la prima volta a Roma, lo spettacolo è una raccolta delle più significative coreografie di Moses Pendleton, creatore e direttore artistico della compagnia, dal 2012 Accademico della Filarmonica Romana, unico coreografo ad essere insignito di tale riconoscimento, a suggello di una collaborazione trentennale fra l’artista americano e l’istituzione romana.
Leggi tutto

Teatro Sistina – Dai grandi musical alla prosa, con sapori di varietà

La stagione 2017-2018 del Sistina, leader italiano nel teatro musicale, con ben quattro titoli tra i maggiori successi mondiali del momento, vede in cartellone “Mamma mia!”, il musical campione di incassi del decennio con le canzoni degli Abba e protagonisti Luca Ward, Paolo Conticini, Sergio Muniz, Sabrina Marciano (dal 6 dicembre al 7 gennaio) – “Grease”, della Compagnia della Rancia, con la regia di Saverio Marconiuno dei più longevi successi italiani che torna al Sistina dopo vent’anni dalla sua prima storica edizione, questa volta con Guglielmo Scilla (conosciuto sul web anche come Willwoosh) (dal 14 al 24 ottobre) – Tratto dal film con una delle più immortali colonne sonore della storia consegnata al mito, arriva “The Bodyguard” reso celebre dalla sua indimenticabile interprete Withney Houston, che vedrà come interprete principale Ettore Bassi (dal 17 novembre al 3 dicembre) – Dopo circa 10 anni dal suo esordio nel West End, torna “ Billy Elliot” che ancora incanta e colpisce le platee di tutto il mondo con le splendide musiche di Elton John e una bellissima storia di speranza, con nuovi giovani protagonisti cresciuti all’Accademia del Teatro Sistina (dal 6 al 22 aprile).
Leggi tutto

Gli “opposti” sentimentali, tornando al teatro di Annibale Ruccello

Al Piccolo Eliseo, dal 18 ottobre al 5 novembre, è in scena “Ferdinando”, il testo forse più famoso di Annibale Ruccello, andato in scena per la prima volta il 28 febbraio 1986. L’opera ha vinto due premi IDI: uno nel 1985 come testo teatrale, il secondo nel 1986 come miglior e messinscena. Regìa di Nadia Baldi.

Donna Clotilde, baronessa borbonica, si è rifugiata in una villa della zona vesuviana, scegliendo l’isolamento come segno di disprezzo per la nuova cultura piccolo borghese che si va affermando dopo l’unificazione d’Italia. È con lei una cugina povera, Gesualda, che svolge l’ambiguo ruolo di infermiera-carceriera. I giorni trascorrono uguali, tra pasticche, acque termali, farmaci vari e colloqui con il parroco del paese, Don Catellino, un prete coinvolto in intrallazzi politici. Nulla sembra poter cambiare il corso degli eventi, finché non arriva Ferdinando, un giovane nipote di Donna Clotilde, dalla bellezza “morbosa e strisciante”: sarà lui a gettare lo scompiglio nella casa, a mettere a nudo contraddizioni, a disseppellire scomode verità e a spingere un intreccio apparentemente immutabile verso un inarrestabile degrado.
Leggi tutto

In Aula Magna un madrigale del seicento in “stile rappresentativo”

Sabato 14 ottobre, alle 17.30 nell’Aula Magna della Sapienza si inaugura la 63esima stagione dell’Istituzione Universitaria dei Concerti, con un appuntamento dedicato alla musica del Seicento, protagonista il soprano Anna Caterina Antonacci, un’artista dalla fortissima personalità d’interprete che la spinge a crearsi un repertorio raro e raffinato, ma di grande impatto drammatico, di cui offre un esempio perfetto questo suo concerto. Una star internazionale suo malgrado – si potrebbe dire – perché “si dedica interamente alla musica, non a recitare la parte della prima donna”, come ha affermato un suo grande ammiratore, Riccardo Muti Con lei, Accademia degli Astrusi diretta da Federico Ferri, un ensemble strumentale con cui collabora spesso.
Leggi tutto

Risate sugli “sbussolati” di una modernità indecifrabile

Al Teatro degli Audaci, fino al 22 ottobre, si replica “Sbussolati”, scritto e diretto da Roberto D’Alessandro, protagonista Mario Zamma, caratterista, “rumorista”, imitatore e musicista, per anni vivace protagonista, accanto ad Oreste Lionello e Martufello, del cabaret Il Bagaglino (al Salone Margherita).
Attraverso la formula del varietà, con sferzante e irreverente ironia, alternando monologhi e momenti musicali, Mario Zamma affronta lo “sbussolamento” del titolo toccando le corde dell’amore, entrando nella società e nella famiglia, sfiorando la cultura, scorazzando nella politica, cucendo il tutto con il filo della comicità, per ridere insieme e, forse, per suscitare qualche momento di riflessione.su una “modernità” spesso indecifrabile.

Il prossimo spettacolo, dal 26 ottobre al 5 novembre, “Aspettando Godot” di Samuel Beckett, regia di Flavio De Paola – Per il cartellone completo, clicca qui a fianco su: Stagione Romana 2017-2018.

Teatro degli Audaci – Via Giuseppe De Santis (zona Porte di Roma, parcheggio riservato gratuito)) – Tel. 06/ 94376057. Biglietteria: intero da 16 a 25 euro, ridotto da 12 a 16 euro, prevendita 2 euro.