Un’epopea teatrale sul rapporto tra Afghanistan e Occidente

Dal 17 al 21 ottobre al Teatro Argentina è in scena “Afghanistan”, scritto da un gruppo di interessanti autori della scena anglosassone, coinvolti nel progetto firmato Tricycle Theatre, importante fucina di teatro politico londinese. Un’epopea teatrale – traduzione di Lucio De Capitani,Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani – isul rapporto tra Occidente e Afghanistan messo in scena in due parti: “Il grande gioco”, che comprende cinque episodi ambientati fra il 1842 e il 1996, e “Enduring Freedom”, che comprende i restanti cinque, ambientati fra il 1996 e i giorni nostri.
Leggi tutto

Dacia Maraini “parla” di una giovane vittima del terremoto dell’Aquila

Al Teatro di Documenti, fino a domenica 14 ottobre, si replica “Per Giulia”, di Dacia Maraini che mette in scena l’omonimo libro da lei scritto per volontà dei genitori della ventiquattrenne Giulia Carnevali, studentessa di Ingegneria edile-architettura all’Università dell’Aquila, originaria di Arpino, Frosinone, morta fra le macerie del terremoto del 6 aprile del 2009: incarnando il mondo di tutti gli studenti e delle loro famiglie a cui è stato negato un futuro.
Il testo, che tiene presenti sia i dettagli più storico-civili della tragedia, sia gli aspetti più intimi della persona di Giulia, rimane un inno alla vita e alle possibilità infinite che questa ci riserva. Per un puro caso del destino, infatti, il computer di Giulia, con all’interno i suoi bozzetti per la progettazione di una scuola materna a forma di libro, fu ritrovato, e successivamente è stata realizzata una originale struttura per ospitare i bambini dell’asilo di Onna, uno dei comuni vicino all’Aquila, proprio come ideato da Giulia. Un fatto eccezionale che incarna un messaggio di speranza e di continuità oltre la vita terrena.
Con la regia di Iolanda Salvato, e le musiche originali de Federica Clementi, ne è interprete Sara Pallini nel ruolo di Giulia e degli altri personaggi in scena.

Teatro di Documenti – Via Nicola Zabaglia 42 – Tel. 06/5744034 – 328.8475891.

Al Vitala Festival, le radici del jazz miscelate con il ritmo moderno

Al Teatro San Genesio (Via Podgora 1), lunedi 15 ottobre alle ore 21, prosegue la settima edizione della rassegna filantropica e musicale Vitala Festival con “Thieves & Poets Project” – Jazz Trio in Concert – Composizioni originali e standard in chiave moderna.
Il Vitala Festival, organizzato da Fabiana De Rose in collaborazione con il Teatro San Genesio, è una rassegna che ha lo scopo di promuovere e sostenere musicisti, cantanti, artisti del settore musicale e delle arti visive, di tutte le nazionalità e provenienze, presentando un calendario articolato e variegato per genere e composizione dei gruppi musicali ospitati. In questo caso, il progetto del giovane pianista e compositore romano Gerardo Del Monte che con il suo Trio (lui al piano, Federico Procopio al basso, Federico Martocchia alla batteria), con la partecipazione straordinaria della cantante Chiara Piccione, porta sul palco brani inediti e arrangiamenti originali pensati come una fusione tra passato e presente, un viaggio attraverso le nuove tendenze Jazz con uno sguardo rivolto al futuro. Un progetto inedito che “ruba dal passato per creare nel presente”, miscelando le radici del Jazz con il ritmo moderno.

Ingresso concerto: intero 15€- ridotto 13€ (studenti/bambini). Dalle ore 20 è disponibile un Servizio Buffet pre-concerto. Si consiglia la prenotazione: tel. 347 8248661

Gli ultimi appuntamenti del Prologo della stagione di Eliseo 100

Il Prologo della Stagione del Centenario del Teatro Eliseo – che si aprirà il 30 ottobre con il debutto nazionale di “Cirano de Bergerac” di Edmond Rostand (adattamento di Michele Santeramo), protagonista Luca Barbareschi, regia di Nicoletta Robello Bracciforti -, giunge alla fase conclusiva con quattro nuovi appuntamenti: l’installazione d’arte viaggiante “Blink Circus”, “Hamletas”, uno studio da “Amleto” di Shakespeare tutto al femminile, la Serata di gala della I edizione del Premio Eliseo Scuole 2018, e i divertenti accordi comici della Rimbamband con “Note da Oscar”.
Leggi tutto

Per la prima volta, padre e figlia in scena… come nella vita

Il Teatro Golden ospita – da martedì 16 ottobre a domenica 4 novembre – lo spettacolo “Partenza in salita” di Gianni Clementi, regia di Corrado Tedeschi (insieme a Marco Rampoldi), anche protagonista e che per la prima volta sale sul palcoscenico con una partner particolare, sua figlia Camilla. I due infatti fino ad ora non hanno mai recitato insieme.
Leggi tutto

Letture per il Centenario della fine della prima guerra mondiale

Fa tappa a Roma, giovedì 11 ottobre alle ore 11 al Villino Corsini (Villa Pamphili), e sabato 13 ottobre alle ore 17 al Mitreo Iside (via Marino Mazzacurati 61, Corviale) “Tempi di guerra”, iniziativa a cura di Liliana Paganini e Violetta Chiarini (con Guglielmo Masetti Zannini e Luisa Mariani). La rassegna, che vuole essere una riflessione su tutte le guerre con i modi del teatro, è promossa dal Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalle Biblioteche di Roma e dalle Biblioteche di Palermo, in collaborazione con le associazioni Terzo Millennio-Compagnia del Violangelo, Senza Frontiere-Onlus, Mitreo Iside e Bottega Teatrale.
La manifestazione segna l’inizio ufficiale della realizzazione del progetto, che nasce in occasione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale (1914-1918), di cui il 4 novembre ricorre l’anniversario della vittoria, e che coinvolge sei teatri di altrettante città italiane, tra cui Roma Capitale e Palermo.
L’11 ottobre al Villino Corsini – ingresso libero – saranno presentati testi teatrali sul tema della guerra, scritti appositamente per il progetto dagli autori italiani contemporanei Salvatore Aquilino, Anna Cantagallo, Michele Degan, Daniela Igliozzi, Luigi Lunari, Luciana Luppi, Roberto Marafante e Paolo Puppa. Gli attori Violetta Chiarini, Daniela Igliozzi,Mauro Leuce, Luciana Lupi, Liliana Paganini e GianPietro Tomasini leggeranno i testi teatrali.
Sabato 13 ottobre al Mitreo a Corviale saranno presentati i testi di Enrico Bagnato, Violetta Chiarini, Gennaro Francione, Guglielmo Masetti Zannini, Patrizia Monaco, Maria Carmela Mugnano, Liliana Paganini e Alberto Patelli. Gli attori Violetta Chiarini, Liliana Paganini, Alberto Patelli e GianPietro Tomasini leggeranno i testi teatrali. Anche in questo caso: ingresso libero.

“Il martirio di mons. Romero” in scena nella Chiesa di Sant’Ignazio

Il 13 ottobre, alle ore 21, presso la Chiesa di Sant’Ignazio (piazza Sant’Ignazio) va in scena una nuova rappresentazione dello spettacolo “Il martirio di Monsignor Romero”, di Eleonora Zacchi, regia di Maurizio Scaparro. Produzione Arca Azzurra Teatro- Teatro Belli- Dramma Popolare di San Miniato. Per decisione della Diocesi e del Vicariato di Roma la rappresentazione va in scena in occasione della liturgia di canonizzazione del sacerdote salvadoregno prevista in Vaticano per il giorno successivo allo spettacolo.
Leggi tutto

“La belva giudea”, storia vera: la boxe, il lager, l’amore, il ko finale

Dall’11 al 14 ottobre al Teatro Cometa Off è in scena – in versione integrale – “La Belva Giudea”, di e con Gianpiero Pumo, diretto da Gabriele Colfer che recita accanto all’autore (voce registrata William Angiuli), premio come Miglior Regia allo Short Lab 2018.
Cinque capitoli, cinque round che, attraverso la boxe, raccontano la storia vera della Belva Giudea. È questo il nome che fu dato ad Herzko Haft durante la sua carriera da pugile nei campi di concentramento tedeschi. Internato alla sola età di quattordici anni, Herzko non si è mai arreso al suo destino e ha combattuto il nazismo guidato dall’amore per Leah, conosciuta nel lager.
Leggi tutto

Vittorio Sgarbi, dopo Caravaggio e Michelangelo, “racconta” Leonardo

Al Teatro Olimpico, dal 10 al 14 ottobre, Vittorio Sgarbi è protagonista del suo “Leonardo”. Che dopo “Caravaggio”, con cui esordì nel teatro nell’estate del 2015, e dopo il sequel “Michelangelo”, si dedica a Leonardo da Vinci, ingegnere, pittore, scienziato, talento universale che ha lasciato un corpus infinito di opere da studiare e ammirare e su cui riflettere ed emozionarsi: da Monna Lisa all’ Ultima Cena fino alla geniale Macchina Volante.
Un altro “viaggio” che dimostra – è una delle osservazioni che accompagnano questo terzo impegno di Sgarbi – come artisti antecedenti il nostro secolo abbiano fortemente inciso il modo di percepire il quotidiano in cui siamo immersi. Un altro viaggio spettacolare – progetto di Valentino Corvino, autore delle musiche (da lui anche eseguite al violino, viola, oud ed elettronica) e di Tommas Arosio che firma le scenografie video – con tempi e modalità sorprendenti, con il lavoro delle trame dedicato allo studio delle relazioni profonde esistenti tra suono e immagine, dove linguaggi, tecnologie e immaginari vengono rielaborati e messi alla prova nello sviluppo di opere sceniche, performance ed installazioni. In anticipo sulle celebrazioni per i cinquecento anni della morte di Leonardo da Vinci.

Tre ragazzi di oggi: dietro le maschere brutali, solo fragilità e paure

Dal 12 al 21 ottobre, al Teatro OffOff, spettacolo di apertura della seconda stagione con la direzione artistica di Silvano Spada, è in scena “Roma Caput Mundi”, scritto e diretto da Giovanni Franci, con Valerio Di Benedetto, Riccardo Pieretti, Fabio Vasco. Tre ragazzi di oggi:dietro le maschere brutali, solo fragilità e paure,
Roma non è una città come le altre. Roma è un simbolo, una metafora, un’iperbole: è il sismografo etico, morale e politico del nostro Paese, un sismografo che registra scosse sempre più frequenti, violente ed inquietanti e a pagarne le conseguenze sono i più giovani. I protagonisti di “Roma Caput Mundi”, infatti, – si legge in una presentazione dello spettacolo – sono tre ventenni, e il paesaggio che li circonda è una periferia senza regole, un luogo trascurato e abbandonato, ostaggio della criminalità organizzata, dove l’unica legge vigente è inevitabilmente quella del più forte e quelli che non fanno parte della loro realtà, sono “i nemici”.
Leggi tutto