Quel generoso “matrimonio di facciata” inventato da Pirandello

Al teatro Ambra Jovinelli, dal 14 al 25 novembre, è in scena “Pensaci, Giacomino” di Luigi Pirandello, lettura drammaturgica e regia di Fabio Grossi, nel ruolo del protagonista Leo Gullotta. Commedia che nasce in veste di novella del 1915 per poi avere la sua prima edizione teatrale, in lingua, nel 1917.
Tutti i ragionamenti, i luoghi comuni, gli assiomi pirandelliani sono presenti in questa opera, riproposta in un solo atto di un’ora e mezza e ambientata negli Anni 50: un testo di condanna, condanna di una società becera e ciarliera, dove il gioco della calunnia, del dissacro e del bigottismo e sempre pronto ad esibirsi. Spettacolo prodotto da Teatro Stabile di Catania – Compagnia Enfi Teatro.
Leggi tutto

Le ambiguità contemporanee in un Brecht “rivisitato”

Dal 15 al 18 novembre, al Teatro Trastevere, va in scena “Nella giungla delle città” (Im dickicht der staedte), di
Bertolt Brecht (traduzione di Paolo Chiarini), adattamento e regia di Alessandro De Feo. Opera giovanile di Brecht, è un testo particolarmente originale e non comune dell’autore tedesco, che viene rivisitato dalla compagnia Cavalierimascherati, un gruppo di giovani teatranti residenti a Roma che provengono da differenti formazioni e che da qualche anno si occupa dello studio dei testi dell’autore stesso.
Leggi tutto

La speranza della musica di Verdi vola sul disfacimento del nostro oggi

Dal 13 al 18 novembre al Teatro Argentina, è in scena “Va pensiero”, creazione corale su drammaturgia di Marco Martinelli, che condivide l’ideazione e la regia con Ermanna Montanari, per portare in scena la “speranza” risorgimentale inscritta nella musica di Giuseppe Verdi, da controcanto al “pantano” e alla corruzione del nostro oggi attraverso il racconto di un caso di cronaca. Spettacolo prodotto da Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro delle Albe – Ravenna Teatro.
La storia è ambientata in una piccola città dell’Emilia Romagna all’inizio del secolo, dove un coraggioso vigile urbano non obbedisce ai poteri forti e si fa licenziare, pur di mantenere la propria integrità e non sottostare alle infiltrazioni mafiose e alle collusioni tra imprenditori e politici senza scrupoli: l’intreccio di mafia, politica e imprenditoria “disponibile” che sta avvelenando il tessuto sociale della regione che ha visto nascere il socialismo e le prime cooperative. Così, il “pensiero” riuscirà ancora a muoversi.
Leggi tutto

Disagio e difficoltà di comunicazione nell’olocausto dei profughi

Dal 13 al 25 novembre, al Teatro Sala Umberto, è in scena “La classe” di Vincenzo Manna, regia di Giuseppe Marini.
I giorni di oggi, in una cittadina europea in forte crisi economica. Disagio, criminalità e conflitti sociali sono il quotidiano di un decadimento generalizzato che sembra inarrestabile. A peggiorare la situazione, appena fuori dalla città, c’è lo “Zoo”, uno dei campi profughi più vasti del continente.
A pochi chilometri dallo “Zoo”, c’è un Istituto Comprensivo specializzato in corsi professionali che avviano al lavoro. La scuola, le strutture, gli studenti e il corpo docente sono lo specchio della depressione economica e sociale della cittadina.
Albert, giovane professore di Storia, viene incaricato dal Preside dell’Istituto di tenere un corso di recupero pomeridiano per sei studenti “difficili”, sospesi per motivi disciplinari.
Leggi tutto

Il teatro musicale oggi secondo il Festival di Nuova Consonanza

“Trouble in Tahiti” di Leonard Bernstein, opera mai rappresentata prima a Roma, inaugura al Teatro Palladium – l’11 novembre, alle ore 19 – il 55° Festival di Nuova Consonanza, intitolato “La musica e il suo doppio”. Fino al 28 dicembre, oltre venti appuntamenti e diverse prime assolute segnano la nuova edizione del Festival, indagando con particolare attenzione – anticipa Lucio Gregoretti presidente di Nuova Consonanza – “le modalità del fare teatro musicale più interessanti e innovative presenti oggi in ambito internazionale”. Dopo il Teatro Palladium, il Festival si sposterà in altri spazi tra cui Auditorium del Parco della Musica, Conservatorio di Santa Cecilia, Università La Sapienza.
Leggi tutto

Un vivace ritorno di Cyrano di Bergerac apre il Centenario dell’Eliseo

Il Teatro Eliseo ha inaugurato ufficialmente la stagione 2018-2019 – la Stagione del Centenario dello storico Teatro di Via Nazionale – con lo spettacolo di sua produzione “Cyrano di Bergerac” di Edmondo Rostand – repliche fino al 25 novembre, protagonista Luca Barbareschi, adattamento e regia di Nicoletta Robello Bracciforti. Una scelta, quella di Barbareschi , che dell’Eliseo cura anche la direzione artistica – che ha acceso i riflettori su una nuova edizione di una commedia in versi martelliani – due atti, divisa in cinque quadri -, di un autore ricco e illuminato (di cui ricorrono i cento anni dalla morte), su un personaggio leggendario – straordinario spadaccino, spirito libero e poeta, con una naso che “di almeno un quarto d’ora lo precede” – ispirato, però, alla figura storica di Savinien Cyrano de Bergerac, uno dei più eclettici scrittori del Seicento francese, e ad alcune caratteristiche del suo pensiero e della sua vita.
Un personaggio, quello di Edmon Rostand , apparso per la prima volta in scena a Parigi nel 1897, le cui vicende sono entrate nell’immaginario popolare tradotte, adattate e interpretate moltissime volte nel teatro (anche quello musicale) e nel cinema (addirittura dall’epoca del muto).
Leggi tutto

Gli antichi suonatori di organetto da un audiolibro al teatro

Un audiolibro che diventa una festa- concerto, una serata di parole e musica, canti e danza. Tutto questo è “Storia di un antico suonatore di organetto”: venerdì 9 novembre alle ore 21 – ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti – al Teatro Italia (via Bari 18), con Alessandro Parente, Moni Ovadia, Giovanna Marini, Lucilla Galeazzi, Ellade Bandini, Piero Ricci, Domenico Adriano e Laerte Scotti. L’audiolibro – letto da Moni Ovadia, con testi e musiche di Alessandro Parente – appena pubblicato da Emons Edizioni si trasforma in un racconto dal vivo scandito dalle note di grandi musicisti.
La vicenda che vi si narra è quella di Vincenzo Del Seni di Coreno Ausonio, mitico suonatore di organetto dell’antica Terra di Lavoro, una “piccola” ma significativa storia che attraversa il Novecento, tra guerra, povertà, emigrazione e ricostruzione, fino ai nostri giorni, diventando simbolo di un’epoca lontana, ma ben presente nelle radici di chiunque si soffermi a dipanare il filo delle generazioni.
Partecipano all’evento due orchestre di organetti: “Il giardino della Pietra fiorita” e “Tradizione in divenire”, oltre ad altri musicisti: Giulia Grassi (tastiere e voce), Marco Pescosolido (violoncello), Anna Tranquilla Neri (voce), Maura Amata (voce). Danzerà invece Daniela Evangelista.

Una madre “regala” un film autoprodotto al proprio bambino

Secondo appuntamento con Salotto Cometa, l’aperitivo culturale – un venerdi al mese nel foyer del Teatro della Cometa – per raccontare progetti, idee, storie, libri, e per favorire conversazioni e connessioni. Venerdi 9 novembre, alle ore 18, l’attrice e regista Sabrina Paravicini e suo figlio Nino Monteleone presenteranno i primi minuti di “Be Kind” – Un viaggio gentile nel mondo della diversità, film autoprodotto, nato dal desiderio di Sabrina Paravicini di fare un regalo al proprio figlio.
Leggi tutto

Violino e pianoforte, in Aula Magna quattro capolavori con “dedica”

“Uno dei talenti più straordinari che mi sia capitato d’incontrare”: così Salvatore Accardo ha definito la violinista italo-rumena Anna Tifu, che sabato 10 novembre alle 17.30 sarà nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza per l’Istituzione Universitaria dei Concerti. Suonerà musiche di Prokof’ev, Chausson, Schumann, Ravel, in duo con il pianista francese Julien Quentin che si è guadagnato la fama di musicista versatile e sensibile, dotato di grande maturità e compostezza, doti che lo hanno portato a suonare, oltre che in diversi Paesi europei, in America, Australia, Giappone e Medio Oriente.
Anna Tifu, nata a Cagliari nel 1986, ha iniziato lo studio del violino all’età di sei anni sotto la guida del padre e lo ha proseguito all’Accademia Walter Stauffer di Cremona, all’Accademia Chigiana di Siena, al Curtis Institute di Philadelphia e a Parigi. Ha cominciato a suonare in pubblico a otto anni e a dodici ha debuttato alla Scala di Milano, nel 2007 ha vinto il Concorso internazionale “George Enescu” di Bucarest. Da allora, suona in Europa, Nord e Sud America e Asia con grandi orchestre e celebri direttori. Per un concerto al Teatro Carlo Felice le è stato affidato il famoso violino Guarneri del Gesù detto “il Cannone”, appartenuto a Niccolò Paganini. Nel concerto alla Sapienza suona il violino Antonio Stradivari “Maréchal Berthier” 1715 ex Napoleone della Fondazione Canale di Milano.
Leggi tutto

Conclusione della stagione dei concerti di Villa Lante al Gianicolo

Venerdi 9 novembre, alle ore 20, serata di chiusura della diciassettesima stagione dei concerti nella Loggia di Villa Lante al Gianicolo: per L’Orecchio di Giano – Dialoghi della Antica & Moderna Musica, il tradizionale Salotto Helbig con il Duo Petrouchka – Alessandro Barneschi e Massimo Caselli pianoforte a quattro mani e il soprano Maria Chiara Chizzoni dell’Ensemble Seicentonovecento diretto da Flavio Colussi, in musiche strumentali e vocali di Giacomo Puccini, Robert Schumann, Francesco Paolo Tosti e in un omaggio a Claude Debussy, anche nel Centenario della morte, con le sue “Six epigraphes antiques”.
Silvia De Palma, voce recitante, con la lettura dei diari di Madame Nadine Helbig, introduce gli spettatori nella vita del salotto culturale della principessa russa moglie dell’archeologo tedesco Wolfgang Helbig, allieva di Clara Schumann e Franz Liszt, il quale le donò il pianoforte Pleyel (1866) ancora oggi protagonista del Salotto.
Il concerto è preceduto, alle 18.15 dalla presentazione del cd di Sandro Ivo Bartoli “Puccini, Complete piano works” e da una Conversazione con lo stesso pianista, Flavio Colusso e Carla Conti, docente al Conservatorio di Santa Cecilia.

Villa Lante . Passeggiata del Gianicolo 10 – Posti limitati, si consiglia la prenotazione – Tel. 328.6294500 – Biglietti: intero € 25, ridotto giovani €15, porta un under 18 €15+€5.